testata ADUC
Elezioni, programmi e promesse. Le tasse
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
18 marzo 2010 10:07
 
 In questa tornata elettorale fioriscono i programmi dei vari candidati alla guida dei governi regionali. Elenchi dettagliati che riguardano vari settori di competenza locale. Purtroppo i programmi sono, appunto, come i fiori: appassiscono in un batter d'occhio. Se va male, cioe' se non si riescono ad attuare, si puo' sempre portare a giustificazione l'impossibilita' di realizzarli, causa il dissesto finanziario, per esempio, lasciato dal precedente governo o la congiuntura economica sfavorevole. Un tema cui gli italiani sono particolarmente sensibili sono le tasse, o meglio la loro diminuzione.
Ricordiamo ancora, a 9 anni di distanza, una famosa trasmissione televisiva durante la quale il candidato alla presidenza del governo, Silvio Berlusconi, sottoscrisse un contratto con gli italiani nel quale si impegnava a ridurre la tassazione al 23% per i primi 100mila euro e al 33% per i successivi. Non se ne fece nulla. Nell'aprile del 2008, durante un convegno dell'Ance (associazione dei costruttori), Berlusconi ribadi' che il prelievo fiscale corretto deve aggirarsi intorno a un terzo del reddito, se invece le "tasse sono tra il 50 e il 60% e' troppo e cosi' e' giustificato mettere in atto l'elusione o l'evasione". Alle parole non sono seguiti i fatti.
Nell'intervento di ieri alla Camera dei Deputati, il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, ha dichiarato che il governo non ha imposto (per ora, diciamo noi) altre tasse. Gia', ma non c'era la promessa, decennale, di diminuirle? Allora a che servono i programmi e le promesse? A ben poco, perche' c'e' sempre una contingenza sfavorevole che ne impedisce l'attuazione. Le considerazioni appena fatte le possiamo trasferire nell'attuale campagna elettorale, per questo o quello schieramento politico. Chi si ricordera' tra 5 anni dei programmi e delle promesse fatte oggi? Sarebbe interessante fare un quadro sinottico con promesse e realizzazioni relative alle elezioni regionali del 2005. Sembra che non interessi a nessuno.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori