testata ADUC
MYWAY-4YOU CONSOB. E' UFFICIALE: AVVIATE LE INDAGINI CONTRO I PRODOTTI MPS. RAGGIUNTO IN PIENO L'OBIETTIVO DEL DIGIUNO DI DIALOGO
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
27 maggio 2004 0:00
 

Firenze, 27 maggio 2004. Oggi pomeriggio la Consob, Divisione Intermediari Ufficio Vigilanza e Albo Intermediari e Agenti di Cambio, ci ha anticipato via fax una raccomandata che ci ha inviato in risposta alla nostra richiesta di conoscenza sui provvedimenti presi in merito ai prodotti finanziari Banca121/Mps MyWay e 4You.
Per sostenere questa richiesta, Alessandro Pedone responsabile Aduc per la Tutela del Risparmio, aveva intrapreso dallo scorso 24 maggio un digiuno di dialogo. Si' da far comprendere meglio la sua determinazione nel chiedere alla Consob una risposta, a tutela di quella fiducia che i risparmiatori dovrebbero avere nelle istituzioni finanziare, ma che i non pochi tragici e potenzialmente criminosi avvenimenti hanno di recente incrinato.
In seguito alla risposta della Consob, Alessandro Pedone si e' dichiarato soddisfatto della stessa ed ha interrotto il digiuno di dialogo.
Ecco il testo della lettera Consob:

Protocollo: 4051696
Oggetto: Richiesta di informazioni.
Si fa riferimento alla nota del 4 Maggio 2004 con la quale codesta Associazione ha richiesto notizie sull'attivita' svolta dalla CONSOB in merito "ai prodotti finanziari MyWay - 4You progettati e venduti dal Gruppo MPS", sollecitando altresi' una valutazione della Commissione sulla "legittimita'" dei medesimi.
Al riguardo, in via generale, si fa presente che non compete alla Consob, nell'ambito delle attribuzioni previste dall'ordinamento per l'esercizio della vigilanza sugli intermediari, alcun potere di approvazione dei contratti utilizzati dagli intermediari per la presentazione di servizi di investimento o di qualificazione giuridica degli stessi dal punto di vista civilistico.
In proposito, e con specifico riferimento alla vicenda dei c.d. "piani finanziari" tra cui rientrano le operazioni denominate My Way e 4You, si rappresenta tuttavia che, nell'ambito dei propri poteri di vigilanza sull'attivita' svolta dagli intermediari, la CONSOB ha avviato indagini, anche di carattere ispettivo, su alcuni intermediari che hanno posto in essere tali operazioni al fine di verificare la rispondenza, dettati dalla normativa di settore.
A seguito degli accertamenti condotti sono state inviate lettere di contestazione ai soggetti ritenuti responsabili di possibili violazioni.
All'esito finale dell'istruttoria, la CONSOB potra' formulare al Ministero dell'Economia e delle Finanze, una proposta di irrogazione di sanzioni pecuniarie nei confronti degli esponenti aziendali degli intermediari coinvolti per le eventuali irregolarita' definitivamente accertate.
In caso di accoglimento delle proposte della Commissione, il dicastero in parola emanera' un decreto sanzionatorio che sara' pubblicato nel primo Bollettino della CONSOB successivo alla data del provvedimento.
Distinti saluti
Il presidente, Lamberto Cardia
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori