testata ADUC
MYWAY-4YOU. ESPOSTO/DENUNCIA DELL'ADUC: LA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI FIRENZE HA APERTO UN PROCEDIMENTO PER VERIFICARE SE C'E' STATA FRODE IN COMMERCIO
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
18 marzo 2004 0:00
 

Firenze, 18 marzo 2004. Lo scorso 28 maggio 2003 l'Aduc, a firma del suo presidente, aveva depositato presso la Procura della Repubblica di Firenze un esposto/denuncia contro la banca Monte dei Paschi di Siena per il prodotto finanziario "4You". La Procura fiorentina ha ritenuto di indagare sulle notizie di reato sollevate nell'esposto, aprendo un procedimento sul quale sono in corso le indagini (RGNR 1836/03, magistrato dr Rodrigo Merlo).
L'esposto/denuncia parte dal riconoscimento della mancanza di validita' tecnica e commerciale del "4You". Da quella sorta di "sollevazione popolare" che ha portato molti risparmiatori a dubitare di aver acquistato quanto gli fosse stato prospettato, ovvero che l'intera operazione finanziaria avvenuta fosse nel rispetto dei canoni normativi e legislativi che disciplinano la materia nello specifico e il commercio in generale. E con il presupposto che e' il prodotto in se' ad essere viziato e non, al contrario di quanto sostiene il Mps spalleggiato anche da alcune associazioni di consumatori, alcune sue fasi di collocamento.
Il "4You" e' stato venduto grazie all'apertura di un finanziamento (mediamente ad un tasso fisso del 7%) grazie al quale si acquistavano obbligazioni ed azioni. Le obbligazioni, pero', vengono rimborsate ad un valore nominale che, ovviamente, col tempo e' solo svalutato (50 mila euro di oggi non saranno mai gli stessi fra 15 anni). Le azioni, invece, che negli ultimi tre anni hanno perso il 50%, se nei prossimi 12 anni il mercato avesse un rendimento medio del 14% (ipotesi quasi assurda), darebbero un rendimento medio di circa il 6%. Tra soldi svalutati della componente obbligazionaria e ipotesi (pur se assurda) di questo "guadagno" della componente azionaria, visti gli interessi che si pagano al 7% per il finanziamento, la perdita e' garantita.
L'aver concepito e commercializzato un prodotto siffatto, violerebbe l'art.21 del Testo Unico della Finanza (che stabilisce i comportamenti di chi vende questi prodotti: diligenza, trasparenza, interesse e informazione dei clienti, etc.), nonche' l'art.26 del Regolamento 1522 della Consob (contenere i costi a carico degli investitori e ottenere da ogni servizio d'investimento il miglior risultato possibile).
Inoltre il "4You" e' un prodotto difficile da comprendere se non per gli addetti ai lavori, nonche' pubblicizzato in modo ingannevole, cosi' come riconosciuto da una sentenza dell'Autorita' garante della Concorrenza e del Mercato (PI3999 - 4YOU MPS FINANCE Provvedimento n. 11792 del 6/3/2003).
Sembra che si sia fatto leva su un sicuro e cospicuo guadagno, approfittando della posizione di forza del Mps sul mercato finanziario (fondato sulla possibilita' di accedere al credito e di concedere finanziamenti anche in assenza di quei minimi requisiti che abitualmente qualunque istituto di credito chiede).
La Procura di Firenze ha ritenuto degne di nota queste osservazioni dell'Aduc ed ha avviato le indagini e verificare se ci sia stato un comportamento volto a raggirare l'investitore, oppure la frode in commercio, laddove si descrive un prodotto con caratteristiche di guadagno che non gli appartengono, con un congegnato ad hoc supportato dalla pubblicita' riconosciuta ingannevole di cui sopra.
Il testo completo dell'esposto/denuncia e' reperibile al seguente indirizzo:
clicca qui
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori