testata ADUC
NULLITA' DEI CONTRATTI MYWAY
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
17 luglio 2003 0:00
 

La banca risponde alle prime lettere. prendendo tempo
Firenze 17 Luglio 2003 - Tutti i contratti MyWay collocati fuori sede attraverso promotori finanziari sono nulli per mancanza dell'indicazione nel contratto della facolta' di recesso prevista del d.lgs 58/98 art. 30 comma 6. La nullita', come precisa il comma successivo, puo' essere fatta valere solo dal cliente.
Non appena abbiamo verificato questa circostanza, abbiamo pubblicato sul sito una lettera tipo da inviare alla banca nella quale il cliente si avvale della facolta' di annullare il contratto. La lettera si puo' trovare all'indirizzo: clicca qui

Siamo stati inondati di lettere (per copia conoscenza) inviate alla banca e, fino ad oggi, non avevamo notizie di risposta. Ebbene, oggi ci giunge notizia da un lettore della prima risposta:
"...i fatti evidenziati sono attualmente oggetto di ricostruzioni da parte della scrivente" ... "Provvederemo quanto prima a farle pervenire le nostre determinazioni in merito a quanto evidenziato nella Sua citata lettera"

Touchè! Sembrerebbe proprio una risposta di chi non sa proprio cosa dire. Cosa deve ricostruire la Banca 121? Deve verificare se nel contratto c'e' o meno l'indicazione prevista dagli articoli sopra citati? Se, per accelerare i tempi, dovesse aver bisogno di supporto tecnico, siamo a disposizione gratuitamente.

Fuori di polemica, ricordiamo a tutti i sottoscrittori del MyWay che tutti i contratti sottoscritti fuori sede attraverso promotori finanziari possono essere annullati facendone espressa richiesta alla banca. Qualora la banca non annulli il contratto, si dovra' far valere questo diritto sancito -lo ripetiamo- nel Testo Unico della Finanza attraverso un giudice.

Alessandro Pedone, consulente Aduc per gli investimenti finanziari
clicca qui
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori