testata ADUC
Il nuovo digitale terrestre slitta a data da definirsi. Lo Stato non cambia gli aiuti farraginosi per adeguare tv e decoder?
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
28 luglio 2021 8:49
 
Il nuovo Digitale Terrestre (DVB-T2), il cui passaggio era stato fissato a partire da Settembre 2021 con conclusione entro Giugno 2022, slitta, con partenza da definire nel 2022, all’inizio 2023. Nessun cambiamento epocale e, a parte gli aspetti tecnici, gli utenti avranno più tempo per adeguare i propri apparecchi (il decreto attuativo con le vecchie date era stato firmato all’inizio di luglio e mercato e utenti erano già in preparazione, probabilmente non ritenuta sufficiente - 1).
La formalizzazione dello slittamento non c’è ancora, ma alla base c’è un accordo del ministero dello Sviluppo Economico con la Rai che prevede il passaggio volontario delle principali emittenti a partire dal prossimo 15 ottobre, passaggio che diventerà obbligatorio nel 2022 (2).
Chi si sta attrezzando con nuove tv e nuovi decoder è bene che continui a farlo, anche perché il mercato, meno pressato dalla scadenza vicina, si dovrebbe “rilassare” diventando meno costoso.

Il decreto attuativo - approvato a inizio luglio ma con le nuove date da definire - prevede uno sconto del 20% (max 100 euro) per l’acquisto di un nuovo apparecchio. 250 milioni di euro che dovrebbero accontentare chi prima arriva entro il (?) 31 dicembre 2022. Il bonus è cumulabile con quello attuale di 50 euro previsto per l'acquisto a chi ha un Isee inferiore a 20.000 euro.

Ci chiediamo se, con un guizzo di economia di mercato, il legislatore possa prendere in considerazione un metodo diverso da quello del bonus, i cui nodi - come per tutti i bonus - prima o poi verranno al pettine… maggiori imposte sui contribuenti. Anche per evitare la corsa degli utenti a non restare fuori dal tetto di 250 milioni messo a disposizione alla bisogna, non sarebbe meglio una semplice riduzione fiscale per questi acquisti, riduzione che costerebbe molto meno a tutti (non solo in denaro) rispetto alla farraginosa macchina della gestione di un bonus?
Siamo noi in un’altra dimensione non terrestre?

1 - https://www.aduc.it/comunicato/nuovo+digitale+terrestre+bonus+rottamazione+stato_32881.php
2 – Punto-informatico.it e Dday.it
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori