testata ADUC
Prezzi della benzina alle stelle. Gli aiuti covid che non si vogliono dare
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
8 giugno 2021 15:16
 
Secondo i dati del Mise relativi alla settimana dal 31/05 a 06/06, la benzina ha raggiunto il prezzo medio di 1,599 euro. Si tratta del + 9,02% rispetto alla settimana precedente *.
E’ noto che quando la benzina aumenta, di conseguenza aumenta tutto il resto poiché il trasporto è alla base del commercio e dell’industria.
Ci domandiamo perché il governo e il legislatore non intervengano in materia per cercare di aiutare i cittadini e le imprese per le difficoltà del covid, preferendo invece i vari contributi a fondo perduto e i rimandi delle scadenze fiscali (che in questi giorni, per esempio, stanno cominciando a dover essere pagate).
Il prezzo alla pompa delle benzina ha oltre il 60% di componente fiscale. Un intervento in materia sarebbe più che auspicabile e, anche se alcuni partiti oggi al governo hanno basato la richiesta del loro consenso su interventi in merito, la dinamica di questo prezzo continua ad essere uguale.
Non solo. Intervenendo sulla componente fiscale di un prodotto di largo consumo si inaugurerebbe una stagione di “aiuti di Stato” che premierebbe la dinamicità dell’economia e non la staticità dell’essere in difficoltà.

* Il gasolio si attesta a 1,45 euro al litro, in aumento del 9,57% su base settimanale.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori