testata ADUC
Rifiuti e tariffe a Firenze, Prato e Pistoia. La facile economia degli imprenditori pubblici e monopolisti
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
16 giugno 2021 9:28
 
Ato, Autorità Toscana centro (Firenze, Prato e Pistoia: 50 Comuni) per la gestione dei rifiuti ha deciso di aumentare le proprie tariffe del 6,6%. I conti del gestore del servizio, Alia, non tornano per vari motivi: essenzialmente la mancanza di un inceneritore e il costoso smaltimento portando i rifiuti fuori della regione (1).
E quindi? Hanno deciso di far pagare l’utenza.
Alia spa, di cui sono azionisti i Comuni a cui presta i servizi, è una impresa che monetizza gli utili (quando li ha) e pubblicizza i debiti (che li ha quasi sempre).
Facile fare impresa in questo modo: devono rendere conto del loro operato a se stessi. Quando hanno difficoltà, non c’è bisogno di iniziative che coniughino e affrontino il mercato, semplicemente perché questo mercato non c’è: sono monopolisti. Una qualunque impresa cercherebbe di capire come mantenersi i clienti e dare loro un servizio che non faccia scegliere la concorrenza. Qui la concorrenza non c’è. Chi paga per le scelte sbagliate o difficili? Forse ridimensionano l’azienda, stringono i denti e gli stipendi? No: aumentano le bollette. Quello che nel mercato si chiama utente o cliente, per loro è un suddito, senza libertà di scelta, che deve sempre pagare.

La questione non è così semplice, direbbero quelli che hanno votato per l’aumento delle bollette: chi raccoglierebbe i rifiuti? Invece è semplice: non è il mercato la nostra forma di economia? Perché qui il mercato non c’è, come in tanti altri servizi di pubblica utilità?
Forse è il caso di ripensare e organizzare tutto.
Anche le politiche sui termovalorizzatori.


1 - https://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/21_giugno_15/toscana-centro-arrivo-bollette-stangata-rifiuti-6-cento-piu-l-anno-fino-2025-6c840af0-ce08-11eb-b3cc-7685f3a3aba2.shtml
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori