testata ADUC
Tlc. Sim dormienti. Sevizi non richiesti, modifiche unilaterali. Aduc a Mi Manda Rai Tre dalle ore 10 di martedì 19 novembre
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Redazione
18 novembre 2019 9:41
 
 Una Sim “dimenticata” che era gratis ma che nel frattempo, grazie ad una modifica unilaterale del contratto, ha un costo… succede che poi il gestore avanzi le proprie pretese di pagamento… avrebbe ragione, ma questa modifica unilaterale è stata comunicata nei termini, facendo sì che l’utente avesse almeno 30 giorni (come prevedono le norme) per comunicare la sua eventuale non-accettazione della variazione? Il gestore sostiene sempre che la comunicazione c’é stata, ma accade (altrettanto spesso) che si tratti di una comunicazione che “si è perduta nella notte dei tempi”, cioè mandata (ammesso che sia stata inviata) chissà dove e, di fatto, non nota all’utente.
Episodi di “ordinaria follia” nei rapporti degli utenti coi gestori della telefonia. Così come ritrovarsi in bolletta una serie di servizi mai richiesti.
Cosa fare in questi casi? Come formulare le proprie rivendicazioni contro queste indebite pretese che, magari, riguardano solo una parte della bolletta? Il meccanismo è quello della messa in mora, pagando nel caso solo il dovuto e non gli importi contestati che (sempre per norma) sono sospesi dal momento in cui parte la contestazione ufficiale (raccomandata A/R) fino alla risoluzione finale della vicenda. Risoluzione che raramente avviene dopo la messa in mora, ché i gestori ritengono di aver sempre ragione per definizione. Risoluzione che nella quasi totalità riesce ad essere raggiunta (con vittoria dell’utente) dopo che ci si è rivolti al Corecom, l’ufficio regionale dell’Agcom (Autorità delle Comunicazioni) per avviare una conciliazione, che avviene online o per telefono e senza nessun costo per l’utente. I gestori su questo ci marciano: spesso si tratta di importi non eccessivi e loro fidano sulla presunta non-informazione degli utenti sui metodi per far valere i loro diritti contrattuali e normativi… due motivi per cui il Corecom è un organismo ancora sottoutilizzato.

Di questo si parlerà dalle oe 10 nella edizione di Manda Rai Tre di martedì 19 novembre. Con la conduzione di Salvo Sottile, in studio per Aduc l’avv. Laura Cecchini.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori