testata ADUC
VDAY. Per il bene di ognuno e di tutti. Diritti e doveri
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
27 dicembre 2020 13:41
 
  Il VDAY ha portato una scontata retorica istituzionale *. Odioso male della politica ma, senza sottovalutarlo, andiamo oltre. E’ chiaro che questo non è il giorno del “libera tutti”. Tempi? Si sente di tutto. Flemmaticamente continuiamo con le mascherine e le ormai familiari accortezze. Vedremo. Diamo fiducia alle istituzioni.

Essere cittadini, però, non è sinonimo di sudditi. Se qualcosa non torna è bene esternarlo civicamente e organizzarsi per rimediare, individualmente e collettivamente.

Il covid insegna che la salute è la base della comunità. Ma come per altre basi (il fisco, p.e.), questo non significa sudditanza, ma diritto/dovere consapevole. Anche critico, ma non denigratorio e distruttivo.

Simbolismi. Il 25 aprile 1945 fu la fine di un incubo, il 27 dicembre 2020 è fine di altrettanto incubo. L’avvio di una rinascita.
Come nel 1945, rimbocchiamoci le maniche. Non abbiamo città e istituzioni da ricostruire dopo i bombardamenti, ma noi stessi, comunità ed economie. Con un vantaggio rispetto al 1945: Italia ed Europa con un bagaglio istituzionale ed economico da migliorare, non da far nascere dalle ceneri.

Migliori diritti e migliori doveri, quindi. Facciamo tesoro di competenze ed incompetenze che abbiamo vissuto.

Cittadini, utenti e consumatori, imprenditori, lavoratori, famiglie, individui. Sono motori di istituzioni guidate da umani, giudicate e scelte da altrettanti umani. E’ occasione non per tornare a come eravamo prima, ma per migliorare rispetto a quando non eravamo consapevoli che ci stavamo infilando nell’incubo. Coronavirus, come la distruzione ambientale, non nascono dal caso ma, nella relatività, sono derivati antropici.

* valga per tutti quanto detto, durante il primo vaccino ad un’infermiera di un ospedale fiorentino, dal presidente della Toscana: “naturalmente avete visto l’abilità con cui le è stata fatta l’iniezione”.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori