testata ADUC
Voucher come coercizione dei diritti? Viaggi, palestre, spettacoli… i prossimi?
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
4 maggio 2021 16:22
 
Con l’approvazione di un emendamento in commissione Bilancio del Senato, oggi i parlamentari hanno sancito che il voucher va considerato come coercizione dei diritti, visto che a decidere se emetterlo o meno, invece del rimborso in denaro, sono i singoli operatori.
Viaggi. Prolungata da 18 a 24 mesi la validità.
Spettacoli. Prolungata da 18 mesi a 3 anni la validità.
Palestre. Voucher validi fino a sei mesi dalla fine dell’emergenza nazionale (quando finirà?).

Avevamo avuto una qualche speranza nella nuova maggioranza che sostiene il governo Draghi, ma probabilmente ci siamo sbagliati. L’emendamento approvato oggi è solo una coercizione dei diritti, obbligare i consumatori a finanziare le singole strutture, come se i consumatori non fossero coinvolti anch’essi nella crisi economica generale e come se queste aziende avessero diritti di valore superiore a quelli di ogni altra persona.
Vergogna? Probabilmente chi decide queste cose non sa cosa sia la vergogna!!
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori