testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Il 73% delle cartelle esattoriali da notificare è sotto i mille euro
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
10 settembre 2021 11:49
 
Nell’articolato e consistente magazzino della riscossione c’è un altro dato che deve far riflettere anche la politica. Se alla fine dello scorso anno erano giacenti circa mille miliardi di crediti da recuperare come attestato anche dalla relazione consegnata dal ministro dell’Economia Daniele Franco in Parlamento a metà luglio, l’altra verità è rappresentata dall’importo non elevato degli atti della riscossione “congelati” per l’emergenza Covid. Poco meno della metà (47,4%) dei circa 4 milioni di cartelle di cui agenzia delle Entrate Riscossione (Ader) guidata da Ernesto Maria Ruffini dovrebbe far ripartire la notifica entro fine anno - senza un nuovo stop di Governo e Parlamento - è sotto i 300 euro. E il resto dello spaccato conferma che si tratta di debiti che, almeno secondo la fredda realtà dei numeri, hanno un importo contenuto: circa il 73% non superano i mille e appena il 9,7% è più elevato dei 5mila euro.
Si tratta comunque solo di una prima tranche dei 20-25 milioni di atti accumulatisi nel periodo tra l’8 marzo 2020 e il 31 agosto 2021.
La questione è a chi saranno destinati. Premesso che un debito è tale e va onorato anche in rispetto di chi imposte, multe e contributi li paga fino all’ultimo centesimo, non si può fare a meno di osservare gli strascichi lasciati dalla pandemia. Molte attività hanno chiuso definitivamente i battenti a causa del Covid, altre hanno difficoltà ad affrontare i pagamenti ordinari così come tante famiglie. Da qui la necessità di una riflessione sull’eventualità di calibrare la ripresa delle notifiche.
Il problema più cogente, però, sono le cartelle già notificate e da pagare. Per quelle che erano già scadute prima dell’8 marzo 2020, «il contribuente dovrà procedere con il tempestivo versamento delle somme dovute o richiedere e ottenere un provvedimento di rateizzazione per evitare l’avvio delle procedure di recupero» ha ricordato Ader in una nota nei giorni scorsi. Per quelle scadute dall’8 marzo 2020 al 31 agosto bisogna pagare entro il 30 settembre. E il semplice procedere di proroga in proroga non basta a risolvere il problema.
(IlSole24Ore del 10/09/2021)
 
Gli atti da notificare
fino a 300 euro 47,4%
da 300,001 a 500 13%
da 500,01 a 1.000 12,4%
da 1.000,01 a 5.000 17,5%
oltre 5.000 9,7%
Fonte: Agenzia Entrate  
   
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori