testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Cannabis legale meno detenuti. Presidente consiglio regionale Piemonte
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
3 agosto 2018 16:30
 
"Non e' vero che e' cresciuto il numero dei delinquenti stranieri in Italia, ma il contrario. E poi i detenuti stranieri sono in carcere soprattutto per reati di droga. Se si legalizzassero le droghe leggere diminuirebbero di almeno due terzi. Un bel risparmio per le casse statali considerato che un detenuto 'costa' 55.000 euro l'anno". Lo afferma il presidente del Consiglio regionale del Piemonte, Nino Boeti, oggi in un incontro in Regione con i garanti dei detenuti piemontesi. "Sul mondo della delinquenza straniera e non solo si sta cercando di dare un'idea diversa dal reale, strumentale - aggiunge Boeti - basta pensare che nel 2008, a fonte di 3 milioni di immigrati residenti sul territorio, la popolazione carceraria straniera ammontava a 21.562 unita'. Nel 2018 gli stranieri residenti sono saliti a 6 milioni e i detenuti stranieri sono scesi a 19.868. Inoltre per gli stranieri e' piu' difficile ottenere la concessione di pene alternative al carcere perche' generalmente non hanno una casa, una famiglia o un lavoro a cui fare ritorno di giorno. Cosi' restano in carcere, anche se con pene relativamente leggere, senza riuscire a migliorare la loro situazione futura, con tutti i danni che questo comporta alla nostra comunita'". 
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori