testata ADUC
 USA - USA - Cannabis legale non incide sulla salute dei neonati
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
10 ottobre 2021 17:53
 
 Secondo i dati pubblicati sul Journal of Health Economics, le leggi statali che legalizzano la marijuana ricreativa o terapeutica non provocano effetti negativi sulla salute neonatale.

I ricercatori di Columbia University, University of North Carolina e Indiana University hanno valutato l'influenza delle politiche di legalizzazione della marijuana in tutto lo stato sulla salute dei neonati per un periodo di 12 anni (2007-2019).

“Non vi è alcun effetto statisticamente significativo delle MML (leggi sulla marijuana medica) sulla quantità di ricoveri neonatali con esposizione prenatale a sostanze nocive, sindrome neonatale da astinenza da farmaci, sindrome alcolica fetale, crescita lenta, condizioni respiratorie, problemi di alimentazione, anomalie congenite , età gestazionale bassa, peso alla nascita basso o peso alla nascita molto basso. Allo stesso modo, le RML (leggi sulla marijuana ricreativa) sembrano non avere alcun effetto su questi risultati”.

Gli autori hanno concluso: "In numeri assoluti, i nostri risultati hanno implicato effetti negativi modesti o nulli delle politiche di legalizzazione della marijuana sulla gamma di esiti perinatali considerati". Tuttavia, hanno avvertito: "I nostri risultati non confutano né supportano l'argomento secondo cui l'esposizione prenatale alla marijuana ha effetti negativi sugli esiti di salute neonatale, ma piuttosto che le politiche statali di liberalizzazione della marijuana non sono associate a cambiamenti netti a livelli di popolazione che sono statisticamente rilevabile o economicamente significativi”.

Gli investigatori hanno descritto i loro dati come "la prova più completa fino ad oggi" sull'effetto delle politiche di legalizzazione sulla salute dei neonati.

Gli studi che valutano i potenziali impatti dell'esposizione alla cannabis in utero sulla salute perinatale sono incoerenti. Mentre alcuni studi osservazionali hanno identificato un legame tra l'esposizione e il basso peso alla nascita e/o un aumento del rischio di parto pretermine, altri studi non sono riusciti a dimostrare questi risultati dopo l'aggiustamento per la presenza di fattori di confusione, come il fumo di tabacco.

(Marijuana liberalization policies and perinatal health, su ournal of Health Economics)
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0167629621001223
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS