testata ADUC
 USA - USA - Cannabis legale. Sempre in calo il consumo dei minorenni
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
20 giugno 2022 12:32
 
Il Dipartimento di sanità pubblica e ambiente del Colorado ha pubblicato uno studio che mostra che il consumo di marijuana tra gli adolescenti è diminuito in modo significativo nello stato nel 2021 e gli studenti minorenni affermano di avere più difficoltà ad accedere alla cannabis ora rispetto a prima della legalizzazione.

Il consumo di marijuana negli adolescenti in Colorado è diminuito in modo significativo nel 2021, secondo un sondaggio statale biennale pubblicato nei giorni scorsi.

Il sondaggio Healthy Kids Colorado del Dipartimento della salute pubblica e dell'ambiente del Colorado (CDPHE) ha rilevato che i giovani hanno avuto il 35% di probabilità in meno di consumare cannabis nel 2021 rispetto agli anni precedenti, continuando una tendenza che contraddice le argomentazioni proibizioniste secondo cui la legalizzazione porterebbe a un incremento del consumo giovanile.

Il Colorado è stato uno dei primi stati a legalizzare la marijuana ricreativa, quindi i dati sul consumo dei minorenni sono stati un punto focale sia per i sostenitori che per gli oppositori della riforma. Ciò che mostra quest'ultima indagine è un sostanziale calo dell'utilizzo per gli studenti delle scuole superiori negli ultimi due anni.

I dati sulle riduzioni sono probabilmente influenzati dal fatto che la pandemia di coronavirus ha tenuto gli studenti in contesti socialmente limitati, coerentemente con le analisi dei risultati dell'indagine federale sulle tendenze della droga durante la crisi sanitaria.

Tuttavia, i sostenitori affermano che i dati del sondaggio nel tempo risalenti al 2013 riflettono una tendenza più ampia rispetto alla marijuana, dimostrando come la regolamentazione dell'accesso per i maggiorenni minimizzi il rischio di consumo di cannabis tra gli adolescenti.

Nel nuovo rapporto, CDPHE ha rilevato che poco più del 13% degli studenti intervistati ha affermato di aver usato marijuana negli ultimi 30 giorni. 

Gli elettori del Colorado hanno approvato la legalizzazione nel novembre 2012 e le vendite sono iniziate nel 2014.
Nel 2019, quasi il 21% degli adolescenti intervistati sosteneva di aver consumato cannabis negli ultimi 30 giorni.

C'è spazio per l'interpretazione dei nuovi risultati, dato che l'epidemia di COVID-19 ha creato un clima in cui gli adolescenti erano a casa con i loro genitori e in gran parte impossibilitati a socializzare - e potenzialmente sperimentare con la marijuana - date le restrizioni. Ma le linee guida dal 2013 sono state in gran parte coerenie: l'uso dei giovani non è aumentato, come temevano gli oppositori, dopo la legalizzazione.

"Questi dati sono coerenti con i dati che mostrano che le politiche di regolamentazione della marijuana possono essere implementate in modo da fornire l'accesso ai maggiorenni limitando allo stesso tempo l'accesso e l'uso improprio dei giovani", ha detto a Marijuana Moment Paul Armentano, vicedirettore di NORML. 
"Questi risultati dovrebbero rassicurare i legislatori e altri sul fatto che l'accesso alla cannabis per gli adulti può essere regolato in modi che non influiscano inavvertitamente sulle abitudini dei giovani", ha affermato.

Oltre a chiedere se loro stessi abbiano effettivamente usato marijuana, il nuovo studio rileva anche che poco più del 40% degli studenti ha affermato nel 2021 che sarebbe facile consumare cannabis se lo volesse. Questo è notevolmente in calo rispetto al quasi 55 percento che lo ha affermato nel 2013, prima dell'inizio delle vendite regolamentate.

Altro punto degno di nota nel sondaggio, il fatto che gli adolescenti affermino di considerare rischioso l'uso regolare di marijuana. Nei dati biennali più recenti, oltre il 60% ha affermato di ritenere che il consumo di cannabis rappresenti spesso "un rischio moderato o elevato di danni. Nel 2013, la percentuale era solo del 54%.

Anche questo è in contrasto con la narrativa proibizionista secondo cui la fine della criminalizzazione indurrebbe i minorenni a vedere la marijuana come un consumo sicuro.

Inoltre, da quando la legalizzazione è entrata in vigore, è aumentata anche la percentuale di studenti che affermano che i propri genitori o tutori ritengono che sarebbe sbagliato per loro usare cannabis.

L'ex governatore del Colorado, attualmente membro al Senato degli Stati Uniti, si è opposto alla legalizzazione, in gran parte perché temeva che il cambiamento di politica avrebbe incoraggiato l'uso da parte dei giovani. Ma dopo aver verificato che così con era - e, in effetti, la legalizzazione sembrava incoraggiare i gruppi demografici più adulti a provare la cannabis - è diventato un sostenitore delle riforme.
“Penso che abbiamo creato una struttura abbastanza buona. La maggior parte degli altri stati l'ha usata come modello", ha detto il senatore John Hickenlooper (D-CO) all'inizio di quest'anno, aggiungendo che "un grande risultato per me che, avendo nche bambini piccoli, temevo per loro". 
“Penso che abbiamo dimostrato che non c'è aumento della sperimentazione tra gli adolescenti. Non c'è alcun cambiamento nella frequenza di utilizzo, nessun cambiamento nella guida quando si è sballati: tutte le cose di cui ci preoccupavamo di più non si sono verificate", ha detto Hickenlooper.

Perché i minorenni non consumano più cannabis negli stati che hanno legalizzato?
È una domanda impegnativa a cui non rispondere in modo sommario, ma i sostenitori hanno a lungo sostenuto che, ad esempio, fornire un accesso regolamentato alla marijuana nei negozi in cui ci sono requisiti per controllare la carta d'identità, mitigherebbe il rischio del consumo degli adolescenti.

Un recente studio della California ha rilevato che le norme per il controllo di identità dei clienti erano rispettate al 100%.

Anche la Coalition for Cannabis Policy, Education, and Regulation (CPEAR), un gruppo politico sulla marijuana sostenuto dall'industria dell'alcol e del tabacco, ha pubblicato un rapporto che analizza i dati sui tassi di consumo di marijuana da parte dei giovani lìdove vige la legalizzazione.
Il rapporto indica studi che contraddicono chiaramente le affermazioni spesso fatte dai proibizionisti secondo cui la creazione di mercati regolamentati della cannabis porterebbe più minorenni a consumare marijuana.

Uno dei più recenti sondaggi finanziati dal governo federale sull'argomento ha sottolineato che l'uso giovanile di marijuana "è diminuito in modo significativo" nel 2021, così come il consumo di sostanze illecite da parte degli adolescenti in generale.

Il sondaggio Monitoring the Future finanziato dal governo federale del 2020 ha inoltre rilevato che il consumo di cannabis tra gli adolescenti "non è cambiato in modo significativo in nessuno dei tre gradi per l'uso una tantum: negli ultimi 12 mesi, negli ultimi 30 giorni e l'uso quotidiano dal 2019 al 2020."

Un altro studio finanziato dal governo federale, il National Survey on Drug Use and Health (NSDUH), è stato pubblicato a ottobre e mostra che l'uso giovanile di marijuana è diminuito nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus e man mano che più stati hanno legalizzato.

Inoltre, un'analisi pubblicata dal Journal of the American Medical Association a settembre ha rilevato che l'adozione della legalizzazione ha un impatto complessivo sul consumo di cannabis degli adolescenti che è "statisticamente indistinguibile da zero".

Il Centro nazionale per le statistiche sull'istruzione del Dipartimento dell'Istruzione degli Stati Uniti ha anche analizzato i sondaggi sui giovani degli studenti delle scuole superiori dal 2009 al 2019 e ha concluso che "non c'è stata "alcuna differenza misurabile" nella percentuale di quelli tra i 9 e i 12 anni che hanno riferito di aver consumato cannabis almeno una volta negli ultimi 30 giorni.

In un'analisi separata e precedente, i Centers for Disease Control and Prevention hanno scoperto che il consumo di marijuana tra gli studenti delle scuole superiori è diminuito durante gli anni di punta della legalizzazione della cannabis ricreativa.
Il sondaggio ha rilevato "nessun cambiamento" nel tasso di consumo attuale di cannabis tra gli studenti delle scuole superiori dal 2009 al 2019. ....

Un altro studio pubblicato dal Colorado nel 2020 ha mostrato che il consumo di cannabis da parte dei giovani nello stato "non è cambiato in modo significativo dalla legalizzazione" nel 2012, sebbene i metodi di consumo si siano diversificati.

Un funzionario della National Marijuana Initiative dell'Office of National Drug Control Policy della Casa Bianca è andato ancora oltre nel 2020, ammettendo che, per ragioni non chiare, il consumo di cannabis da parte dei giovani "sta diminuendo" in Colorado e in altri stati legalizzati e che è "un buona cosa” anche se “non capiamo perché”.

(Marijuana Moment del 17/06/2022)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS