testata ADUC
 GERMANIA - GERMANIA - Cannabis terapeutica. Riduce il consumo di oppioidi
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
22 aprile 2022 14:38
 
 Gli oppioidi sono una benedizione e una maledizione per la popolazione umana. In alcuni casi, possono essere utili per i pazienti che soffrono di vari tipi di dolore, come il dolore a seguito di un intervento chirurgico.

Tuttavia, gli oppioidi creano anche molta dipendenza e sono esponenzialmente più dannosi per il corpo umano rispetto alla cannabis. Si stima che circa 7 decessi su 10 causati da un sovradosaggio in tutto il mondo siano dovuti ad oppioidi.

Nessuno dovrebbe vergognarsi di aver usato oppioidi. Ci sono momenti in cui è utile per alcuni pazienti in determinate circostanze assumere oppioidi nelle loro terapie di gestione del dolore.

La cannabis è un altro strumento che i pazienti con dolore cronico dovrebbero prendere in considerazione. Questa pianta è molto più sicura degli oppioidi e per molti pazienti è una forma di trattamento più efficace, come dimostrato dai risultati di un recente studio in Germania. Di seguito sono riportate ulteriori informazioni sullo studio tramite un comunicato stampa di NORML:
Potsdam, Germania: secondo i dati pubblicati sulla rivista medica tedesca Schmerz, i pazienti con dolore cronico a cui è stata somministrata  cannabis riducono significativamente l'assunzione giornaliera di oppioidi da prescrizione.
Un team di ricercatori tedeschi ha valutato le tendenze all'uso di oppioidi in un campione di 178 pazienti con dolore cronico a cui sono stati forniti estratti di cannabis da piante intere, nabiximol (uno spray oromucosale derivato da piante di cannabis) o dronabinol (capsule sintetiche di THC) per un periodo medio di 366 giorni. La maggior parte dei partecipanti allo studio (65%) aveva più di 65 anni.

Coerentemente con dozzine di studi precedenti, i pazienti hanno ridotto significativamente l'assunzione giornaliera di oppioidi nel corso dello studio.
Gli investigatori non sono riusciti a identificare alcun effetto collaterale significativo dovuto agli interventi a base di cannabis.
Gli autori hanno riferito: "I dosaggi giornalieri di oppioidi ai pazienti sono stati" significativamente ridotti nel corso del tempo del ... 50 percento. Questa riduzione era indipendente dal dosaggio, dall'età e dal sesso dei CAM [cannabinoidi medici].

Conclusiioni. “I pazienti con dolore cronico traggono vantaggio da CAM a lungo termine ché riducono in modo sicuro e significativo il consumo di oppioidi co-medicati, anche a bassi dosaggi. … I pazienti più anziani traggono beneficio dalla CAM e gli effetti avversi non limitano l'uso (cronico) e la prescrizione della CAM negli anziani.

Coloro che consumano cannabis in medicina sono più propensi a riferire di farlo per affrontare i sintomi del dolore cronico. Alcuni studi riportano inoltre che i pazienti con dolore, in genere riducono o eliminano il loro uso di oppioidi dopo l'inizio della terapia con cannabis.

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS