testata ADUC
 MONDO - MONDO - Come il coronavirus ha nettamente bloccato l’influenza stagionale
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
27 maggio 2020 9:42
 
L'influenza stagionale uccide tra le 290.000 e le 650.000 persone in tutto il mondo ogni anno a seconda della durata dell'epidemia e dell'efficacia del vaccino. Tuttavia, quest'anno, misure di contenimento e allontanamento sociale hanno fermato brutalmente la stagione, il che ha potuto salvare centinaia di migliaia di vite, stima l'Organizzazione mondiale della sanità che traccia i casi di influenza attraverso la rete FluNet.
"Nel complesso, l'attività influenzale è inferiore alle aspettative per questo periodo dell'anno. Nella zona temperata dell'emisfero settentrionale, nelle ultime settimane è stato osservato un forte calo dell'attività influenzale", osserva l'organizzazione. C'è stato un forte calo del numero di casi dall'ultima settimana di marzo, che coincide con l'entrata in vigore delle misure di contenimento. La stagione influenzale è stata ridotta di 6 settimane rispetto ad altri anni.
I dati locali confermano la tendenza. A Hong Kong, ad esempio, l'epidemia di influenza è stata del 63,2% più breve rispetto alla media degli ultimi 5 anni e il numero di decessi è stato ridotto del 62,3%, afferma uno studio pubblicato su BMJ il 4 maggio e questo, quando la stagione è iniziata in una data simile a quella dell'inverno precedente (prima settimana di gennaio).

Solo 36 casi di rosolia in tutto il mondo quest'anno!
Altre malattie infettive sono state drasticamente ridotte quest'anno, afferma Pak-leung Ho, coautore dello studio e ricercatore di malattie infettive presso l'Università di Hong Kong nel sito Nature.
Il numero di casi di varicella a Hong Kong è diminuito della metà, o addirittura di tre quarti, rispetto agli anni precedenti. Ad aprile, i casi di morbillo e rosolia sono stati i più bassi registrati almeno dal 2016: solo 36 casi di rosolia sono stati segnalati in tutto il mondo ad aprile, secondo i dati preliminari. Queste malattie, che colpiscono in particolare i bambini, sono state probabilmente fermate dalla chiusura delle scuole, dice Pak-leung Ho.
L'influenza del 2020 aveva promesso di essere particolarmente vigorosa. A gennaio, prima dell'arrivo del Covid-19, l'epidemia era iniziata in grande stile, "sulla buona strada per essere una delle più gravi da decenni", afferma Nature. Ma, con il secco arresto alla fine di aprile, si sono potute salvare centinaia di migliaia di vite. Indossare maschere, chiudere luoghi pubblici, isolarli ... Le misure messe in atto per combattere il Covid-19 sembrano ironicamente avere più effetto sull'influenza che su questo nuovo coronavirus, dicono i ricercatori nello studio BMJ. Come la Sars-Cov, il virus dell'influenza si diffonde attraverso le goccioline respiratorie.
Altri fattori potrebbero tuttavia aver influenzato le statistiche, specifica l'OMS. È ad esempio probabile che i pazienti ci abbiano fatto caso di meno e siano meno andati in ospedale per paura del coronavirus.
La primavera 2020 è stata particolarmente calda in Europa, il che indebolisce il virus. Infine, è possibile che le persone anziane che normalmente sarebbero morte per influenza siano state uccise prima dal coronavirus.
(da Futura-Santé del 26/05/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori