testata ADUC
 NICARAGUA - NICARAGUA - Droga e corruzione. Governo concede cittadinanza ad ex-ministri Honduras
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
18 giugno 2022 16:53
 
 Il governo del presidente Daniel Ortega venerdì 17 giugno ha concesso la cittadinanza nicaraguense a due ex ministri dell'ex presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, estradato ad aprile negli Stati Uniti dove è perseguito per traffico di droga.
"La nazionalità nicaraguense è concessa al cittadino Ebal Jair Diaz Lupian, originario della Repubblica dell'Honduras", ha annunciato la Gazzetta ufficiale del Nicaragua, che cita anche Ricardo Cardona tra i nuovi naturalizzati.
I due uomini, rifugiati in Nicaragua, erano uomini chiave nel governo di Hernandez, come ministri della presidenza.
Il Nicaragua rifiuta di estradare i suoi cittadini.
Ebal Jair Diaz, un pastore evangelista di 48 anni, e Ricardo Cardona, 60 anni, sono sospettati di corruzione dal Consiglio nazionale anticorruzione dell'Honduras (CNA, indipendente).
Diaz, che protesta per la sua innocenza, è in particolare sospettato di corruzione nell'ambito di un programma interrotto di alloggi sociali per le vittime degli uragani Eta e Iota che hanno colpito l'America centrale nel 2020.
"Sono in corso indagini" contro di lui, ha detto all'Afp il portavoce della procura honduregna Yuri Mora, senza fornire dettagli.
Il presidente Juan Orlando Hernandez è stato estradato ad aprile per essere processato a New York per traffico di droga. Anche l'ex capo della polizia honduregno Juan Carlos Bonilla è stato consegnato alle autorità statunitensi con la stessa accusa.
"Tony" Hernandez, fratello dell'ex capo di Stato, è stato condannato all'ergastolo per traffico di droga.
L'analista politico honduregno Raul Pineda ha deplorato alla stampa "la lentezza della reazione dello Stato dell'Honduras" che ha consentito ai due ex ministri della presidenza di Hernandez di fuggire in Nicaragua.
Il governo nicaraguense ha naturalizzato in passato gli ex presidenti di El Salvador Mauricio Funes e Salvador Sanchez Ceren, entrambi accusati di corruzione nel loro Paese.
(AFP)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS