testata ADUC
 CANADA - CANADA - Droghe ‘pesanti’. Toronto: verso la depenalizzazione
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
12 gennaio 2022 10:35
 
Toronto, la città più grande del Canada con circa 3 milioni di abitanti, intende consentire ai tossicodipendenti di possedere piccole quantità di eroina, cocaina e fentanil, un potente oppiaceo sintetico, senza timore di essere perseguiti.
Il programma è sostenuto dalle autorità della città che sostengono che un approccio più morbido renderebbe più facile per i consumatori ottenere aiuto, lavoro e alloggio senza macchiare la fedina penale.
Rhiannon Thomas, che sta coordinando il lavoro per contrastare il consumo di droga a Toronto, ha detto al Telegraph che l'aumento vertiginoso del consumo di droga e delle attività criminali associate in città è stato "davvero pessimo".
Come Vancouver, Toronto sta già cercando di ridurre la dipendenza dalle droghe di strada consentendo la somministrazione di alternative prescritte in "sale di consumo" sorvegliate.
Ma sono essenziali approcci più radicali, ha aggiunto.
"La criminalizzazione non ha funzionato; non fare nulla non ha funzionato. La salute di nessuno è migliorata. Dobbiamo provare qualcos'altro".
Justin Trudeau, il primo ministro liberale del Canada, alla fine dell'anno scorso ha dichiarato di essere aperto alla depenalizzazione e ha recentemente insediato un nuovo ministro della salute mentale e delle dipendenze.
Il bilancio delle vittime in Canada per overdose da oppioidi come eroina e fentanil è in procinto di battere il record dello scorso anno.
"Abbiamo avuto un'emergenza sanitaria pubblica qui in Canada con il numero di decessi per overdose in aumento significativo", ha detto al Telegraph Mike Serr, il co-presidente della task force del governo canadese sull'uso di sostanze.
"Nel 2015, qui nella Columbia Britannica, dove abbiamo una popolazione di cinque milioni di abitanti, ci sono stati 529 decessi per overdose di droga. Ora siamo al passo con più di 2.000. Non vogliamo che le persone prendano queste droghe. Ma le persone che vendono, importano e producono queste droghe e depredano la nostra comunità saranno la priorità per la polizia".

(da The Sunday Telegraph del 09/01/2022)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS