testata ADUC
 EUROPA - EUROPA - Gran Bretagna - Cannabis terapeutica. 1000 miglia per il diritto: “I am Billy’
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
15 giugno 2021 8:03
 
Tre anni fa, in questi giorni, la polizia doganale britannica sequestrò una fornitura di sei mesi di olio di CBD che Charlotte Caldwell aveva importato dal Canada per curare il figlio epilettico, Billy. Privato della sua medicina, il ragazzo di 12 anni iniziò a soffrire di convulsioni potenzialmente letali e la notizia della sua situazione si diffuse a macchia d'olio in tutta la stampa britannica. Questa indignazione pubblica raggiunse un tale picco che il Ministero degli Interni cedette ed accettò di legalizzare la cannabis medica entro la fine del 2018.
Ma sebbene la marijuana medica sia tecnicamente legale nel Regno Unito, la maggior parte dei britannici non è ancora in grado di accedere o permettersi questa nuova medicina. Finora le autorità sanitarie hanno approvato solo due farmaci a base di cannabis e, fino allo scorso autunno, il sistema sanitario pubblico aveva concesso solo tre prescrizioni per questi trattamenti. Altre famiglie che speravano di trovare olio di cannabis per i propri figli sono state costrette a importarlo dall'Europa a caro prezzo, un processo reso ancora più difficile dalla Brexit.
Alla fine del mese scorso, Billy e Charlotte Caldwell hanno intrapreso una passeggiata di 1.000 miglia per contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica su una nuova campagna per espandere l'accesso alla cannabis medica nel Regno Unito. Insieme ad amici e sostenitori, la famiglia ha camminato dalla loro casa nell'Irlanda del Nord a Westminster, la sede il governo. I Caldwell hanno ora completato il loro viaggio e sperano di incontrare le autorità sanitarie per discutere la loro proposta per la ricerca sulla cannabis medica finanziata dal governo federale.
"Io e Billy siamo entusiasti dal fantastico supporto che abbiamo ricevuto viaggiando in tutto il paese: abbiamo incontrato amici, sostenitori e pazienti e non dimenticheremo mai nessuno di voi", ha detto Charlotte Caldwell, secondo Leafie. "Siamo arrivati ??a Westminster oggi per incontrare i parlamentari, consegnare a mano la mia risposta al Primo Ministro e sbloccare una volta per tutte il tortuoso stallo per i pazienti e i nostri meravigliosi medici del SSN".
La campagna "I am Billy" (https://www.iambilly.uk/our-campaign) mira ad aumentare l'accesso pubblico alla cannabis medicinale attraverso il sistema sanitario pubblico. Per iniziare, gli attivisti chiedono al National Institute for Health Research di finanziare una nuova sperimentazione clinica per fornire informazioni reali sull'uso medico della cannabis. Da lì, la campagna spera di fondare una clinica di cannabis medica senza scopo di lucro che fornisca medicine a prezzi accessibili raccogliendo dati clinici per ulteriori ricerche.
Senza accesso all'erba medica legale, quasi 1,4 milioni di adulti nel Regno Unito si affidano all'erba del mercato nero per curare il dolore cronico, l'ansia o una vasta gamma di altre condizioni. Secondo un recente sondaggio, il 56% dei britannici utilizza quotidianamente la "cannabis di strada" per trattare i sintomi di una malattia cronica. I due terzi degli intervistati hanno affermato di spendere £ 99 a £ 199 per il mercato nero, denaro che sarebbe stato speso meglio per sostenere un'industria legale della marijuana medica, se esistesse. "Chiediamo serenamente al Segretario di Stato per la Salute Matt Hancock di sedersi oggi con noi per discutere i prossimi passi per consentire ai pazienti di accedere alla cannabis medica finanziata dal governo", ha affermato Charlotte Caldwell (da Leafie). “Abbiamo la soluzione, le competenze e il team è pronto a partire. Mettiamo fine alla miseria dei pazienti di cannabis, consentendo loro finalmente l'accesso alla medicina che funziona per loro, raccogliendo i dati tanto necessari sull'efficacia e la sicurezza della medicina della cannabis".
(Merry Jane del 14/06/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori