testata ADUC
 MESSICO - MESSICO - Guerra alla droga. Ex-segretario alla Difesa incriminato in Usa per sostegno ai narcos
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
18 ottobre 2020 14:17
 
Le autorità statunitensi sostengono che l'ex segretario alla difesa del Messico ha aiutato un cartello a contrabbandare migliaia di chilogrammi di cocaina, eroina e altre droghe negli Stati Uniti in cambio di tangenti. Documenti del tribunale resi noti venerdì 16 ottobre a New York rivelano che il generale Salvador Cienfuegos Zepeda ha agito per conto del cartello H-2 mentre era segretario alla difesa dal 2012 al 2018 sotto l'ex presidente Enrique Pena Nieto che aveva incaricato Cienfuegos per combattere il traffico di droga.
-------------------------
Cienfuegos ha fatto una prima apparizione in tribunale venerdì a Los Angeles, dove un giudice ha ordinato di trattenerlo senza cauzione.
L'ex segretario alla difesa del Messico ha aiutato un cartello a contrabbandare migliaia di chilogrammi di cocaina, eroina, metanfetamina e marijuana negli Stati Uniti in cambio di tangenti, secondo i documenti del tribunale resi noti venerdì 16 ottobre. Il generale Salvador Cienfuegos Zepeda, 72 anni, ha agito per conto del cartello H-2 mentre era segretario alla difesa dal 2012 al 2018 sotto l'ex presidente Enrique Pena Nieto.
Migliaia di messaggi BlackBerry intercettati mostrano che le operazioni militari stabilite dal nostro generale non erano contro il cartello ma contro i rivali. Cienfuegos avrebbe presentato i leader del cartello ad altri funzionari messicani corrotti. Noto anche come “El Padrino”, è accusato di aver allertato i leader del cartello di un'indagine delle forze dell'ordine statunitensi sulle sue operazioni, mentre l'uso di testimoni e informatori che avevano collaborato ha provocato l'omicidio di un membro del cartello che i leader credevano erroneamente assistesse le autorità di contrasto degli Stati Uniti. Le comunicazioni intercettate tra Cienfuegos e un importante leader del cartello hanno rimesso in discussione i rapporti del generale con un'altra organizzazione di traffico di droghe, comunicazioni in cui l'imputato è identificato per nome, titolo e fotografia come funzionario del governo messicano che patrocinava il cartello H-2.

Le autorità messicane non identificano alcun cartello della droga con nome di H-2, che, secondo le autorità statunitensi, era guidato da Juan Francisco Patron Sanchez. Per le autorità messicane Patron Sanchez era un leader regionale del cartello della droga di Beltran Leyva, ed è stato ucciso nel 2017 in una sparatoria con marines messicani. Le autorità statunitensi sostengono nei documenti del tribunale che il cartello aveva numerose cellule di distribuzione negli Stati Uniti nel periodo in cui Cienfuegos guidava l'esercito messicano, tra cui Los Angeles, Las Vegas, Ohio, Minnesota, North Carolina e New York.

In Messico, il cartello è accusato di traffico di centinaia di armi da fuoco e di aver commesso “innumerevoli atti di orribile violenza, tra cui tortura e omicidio, al fine di proteggersi dalle faide delle organizzazioni di narcotrafficanti rivali, combattere per il controllo del territorio e mettere a tacere coloro che avessero collaborato con la legge.

Cienfuegos, in carcere a Los Angeles, ha fatto una prima comparsa in tribunale venerdì, indossav una giacca di colore scuro e una mascherINa facciale. Aveva un interprete ma ha risposto alle domande procedurali del giudice distrettuale degli Stati Uniti Alexander MacKinnon in inglese, dicendo “sì'' e “sì, vostro onore'.'

Il giudice ha ordinato che Cienfuegos fosse trattenuto senza cauzione fino all'udienza di martedì a Los Angeles. Il suo avvocato, Duane Lyons, in videocollegamento non ha commentato questo ordine.

Cienfuegos è stato incriminato da un gran giurì nel distretto orientale di New York il 14 agosto 2019, con l'accusa di cospirazione per aver partecipato alla distribuzione internazionale di eroina, cocaina, metanfetamina e marijuana e riciclaggio di denaro. Potrebbe essere condannato ad almeno 10 anni di carcere se sentenziato con l'accusa di cospirazione. I pubblici ministeri federali hanno chiesto che a Cienfuegos venga negata la libertà su cauzione, perché ci sarebbe un grave rischio di fuga. Il generale avrebbe visitato gli Stati Uniti per l'ultima volta nel marzo 2019 e, se fosse catturato in Messico, l'estradizione negli Stati Uniti potrebbe richiedere anni. “Benché gli Stati Uniti e il Messico abbiano un trattato di estradizione, sarà estremamente difficile arrestare l'imputato in Messico visto che il cartello H-2 e alcuni potenti ex funzionari del governo lo proteggono'', ha detto Seth DuCharme, procuratore degli Stati Uniti per il Distretto orientale di New York.

La Drug Enforcement Administration (DEA), che ha emesso il mandato d'arresto, ha rifiutato di commentare.

Cienfuegos avrebbe dovuto essere trasferito a New York, dove viene amministrato il suo caso. È stato arrestato giovedì mentre arrivava all'aeroporto internazionale di Los Angeles. Un alto funzionario messicano, che ha parlato a condizione di restare anonimo perché non era autorizzato a fornire dettagli sul caso, ha detto che Cienfuegos è stato arrestato con dei suoi famigliari, che poi sono stati rilasciati ed è stato portato al Metropolitan Detention Center. Cienfuegos è l'ex funzionario di gabinetto di più alto grado arrestato da quando il principale funzionario della sicurezza messicana Genaro Garcia Luna è stato arrestato in Texas nel 2019. Garcia Luna, che era in servizio quando era in carica il presidente Felipe Calderon, si è dichiarato non colpevole di accuse di traffico di droga.

L'arresto di Cienfuegos è un duro colpo per il Messico, dove l'esercito e la marina sono alcune delle poche istituzioni pubbliche rispettate. L'attuale presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, ha promesso di perseguire la corruzione e la violazione della legge sotto le passate amministrazioni facendo affidamento sull'esercito, a cui ha assegnato diversi incarichi, dalla costruzione di progetti infrastrutturali alla distribuzione di forniture mediche, come non era mai avvenuto da parte di un qualche altro presidente nella storia recente. Lopez Obrador ha cercato venerdì di rassicurare il paese perché continui la fiducia nelle forze armate, “pilastro dello stato messicano''. Mai come sotto la presidenza Obrador le forze armate sono state investite di tante responsabilità. Sebbene abbia evidenziato che l'arresto di Cienfuegos sia stato un piccolo incidente, ha colto l’occasione per ripetere che la corruzione è alla radice dei problemi più gravi del Messico. Lopez Obrador ha tracciato una linea netta tra il degrado delle istituzioni pubbliche che si è verificato sotto i suoi predecessori e la trasformazione che sostiene sia in atto. Per molti messicani, tuttavia, l'esercito è stato a lungo visto come l'ultima difesa contro i cartelli, e per questo oggi c’è un certo smarrimento. Il ministero della Difesa messicano non ha commentato l'arresto.
(Associated Press)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori