testata ADUC
 EUROPA - EUROPA - HIV tra i tossicodipendenti: scheda informativa
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
7 dicembre 2023 15:45
 
Nell’ambito dell’Obiettivo di sviluppo sostenibile 3 delle Nazioni Unite dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, i 29 paesi dell’OEDT (UE-27, Turchia e Norvegia) si sono impegnati a porre fine alle epidemie di HIV/AIDS entro il 2030. Il piano d’azione regionale dell’OMS delinea la visione, obiettivi e azioni necessarie per rispondere all’epidemia di HIV/AIDS con obiettivi provvisori per il 2025. Quindi, come si stanno comportando questi paesi in termini di obiettivi relativi alle persone che si iniettano droghe?

Numero di nuove infezioni legate al consumo di stupefacenti per via parenterale
  Obiettivo 2025: -75% rispetto al 2010
I dati del 2022 hanno mostrato un aumento delle nuove notifiche di HIV legate al consumo di droga per via parenterale nell’UE e in Norvegia (992 nuove diagnosi, 5,9% dei nuovi casi di HIV con modalità di trasmissione nota) rispetto al 2021. L’aumento osservato nel 2022 potrebbe in parte riflettere la ripresa Test HIV dopo la pandemia di COVID-19 e aumento dei movimenti di persone che vivono con una diagnosi nota di HIV nei paesi europei, piuttosto che una maggiore trasmissione. Considerando la tendenza a lungo termine e tenendo conto della popolazione, ciò corrisponde a un calo del 37% rispetto al 2010. Tuttavia, nell’UE continuano a essere documentati focolai locali di HIV legati all’iniezione di stimolanti. La maggiore disponibilità di cocaina sul mercato europeo della droga e la sua iniezione sono di particolare preoccupazione per le epidemie di HIV.

Numero di aghi/siringhe distribuiti all'anno per persona che inietta farmaci
  Obiettivo 2025: 200
Gli approcci di riduzione del danno, in particolare la fornitura di attrezzature sterili per l’iniezione, anche nelle carceri e nelle farmacie, sono considerati una componente fondamentale per ridurre la trasmissione dell’HIV tra le persone che si iniettano droghe, come delineato nelle nuove linee guida dell’OEDT-ECDC sulla prevenzione e il controllo delle malattie infettive. malattie tra le persone che si iniettano droghe (aggiornamento 2023). Tuttavia, la copertura e l’accesso alla fornitura di aghi e siringhe rimangono insufficienti in molti paesi, con solo 5 dei 17 paesi dell’UE con dati disponibili che raggiungono l’obiettivo di fornitura di servizi dell’OMS nel 2021.

Percentuale di nuove diagnosi di HIV diagnosticate in fase avanzata
  Obiettivo per il 2025: 20%
Nel 2022, oltre il 40% delle nuove diagnosi di HIV legate al consumo di droghe per via parenterale nell’UE e in Norvegia sono state diagnosticate tardivamente (livelli di conta dei CD4 <350 cellule per mm3 di sangue). I pazienti con diagnosi tardiva di HIV corrono un rischio maggiore di morbilità e mortalità correlate all’HIV e possono avere una risposta più scarsa al trattamento antiretrovirale. I test volontari e riservati sulle malattie infettive delle persone che si iniettano droghe sono un prerequisito per il collegamento alla fornitura di cure e trattamenti. I nuovi orientamenti dell’OEDT-ECDC sostengono l’attuazione di servizi di test su misura basati sulla comunità (ovvero test al di fuori delle strutture sanitarie formali, come i servizi di sensibilizzazione).

Percentuale di persone che si iniettano droghe affetti da HIV che ottengono la soppressione della carica virale
  Obiettivo 2025: 95-95-95
Nel 2022, nessun paese dell’OEDT aveva raggiunto tutti gli obiettivi 95-95-95 (1) per la continuità delle cure tra i consumatori di droghe per via parenterale. Nel complesso, le persone che si iniettano droghe che convivono con l’HIV hanno meno probabilità di essere diagnosticate, collegate alle cure e soppresse dal punto di vista virale rispetto ad altri pazienti affetti da HIV. Ciò implica un rischio maggiore di morbilità e mortalità legate all’HIV, nonché una maggiore trasmissione. Le nuove linee guida EMCDDA-ECDC evidenziano come un approccio più integrato ai test e al collegamento con l’assistenza sanitaria sia un modo efficace per ridurre questa persistente disuguaglianza sanitaria.

Percentuale di persone che vivono con l’HIV e popolazioni chiave che subiscono stigmatizzazione e discriminazione
  Obiettivo 2025: <10%
Gli atteggiamenti negativi nei confronti del consumo di droga per via parenterale contribuiscono ancora allo stigma e dissuadono le persone dall’accedere ai servizi per l’HIV. Le nuove linee guida dell’OEDT-ECDC sottolineano che la formazione del personale è importante in tutti i tipi di servizi. Potrebbe essere particolarmente cruciale in contesti come le carceri e le farmacie, dove il personale potrebbe non avere la stessa esperienza di lavoro con persone che si iniettano droghe rispetto ai servizi dedicati.

Note
(1) Obiettivo: si stima che il 95% delle persone che vivono con l’HIV conoscano il proprio stato di sieropositività; Il 95% delle persone che conoscono il proprio stato sono in cura; e il 95 % delle persone in cura avrà soppresso la carica virale entro il 2030 (Piani d’azione regionali dell’OMS per porre fine all’AIDS e alle epidemie di epatite virale e di infezioni trasmesse sessualmente 2022-2030).
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS