testata ADUC
 USA - USA - Legalizzazione cannabis. La Camera vota a fine settembre
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
12 settembre 2020 18:01
 
La Camera voterà su un disegno di legge sulla legalizzazione della marijuana a fine settembre.

Anche se la votazione in aula non è stata ancora programmata, la maggioranza Whip James Clyburn (D-SC) ha detto in una mail ai membri che la camera "dovrebbe" adottare la Marijuana Opportunity, Reinvestment and Expungement (MORE) Act durante il "Settembre periodo di lavoro."

La legislazione, introdotta l'anno scorso dal presidente del comitato giustizia Jerrold Nadler (D-NY), ha cancellato il suo pannello ed è stata deferita a diversi altri comitati. Non è chiaro se tali commissioni rinunceranno alla giurisdizione o contrassegneranno il disegno di legge in modo che possa ottenere un voto completo.

Il MORE Act eliminerebbe il divieto di cannabis a livello federale, cancellerebbe i record di coloro con precedenti condanne per marijuana e imporrebbe una tassa federale del 5% sulle vendite, le cui entrate sarebbero reinvestite nelle comunità più colpite dalla guerra alla droga.

Creerebbe anche un percorso per il risentimento per coloro che sono incarcerati per reati legati alla marijuana, oltre a proteggere gli immigrati dalla negazione della cittadinanza e impedire alle agenzie federali di negare benefici pubblici o autorizzazioni di sicurezza a causa del suo uso.

"Meno di due anni fa, abbiamo pubblicato il nostro progetto che delinea un percorso per la legalizzazione della cannabis al 116 ° Congresso", ha detto a Marijuana Moment il rappresentante Earl Blumenauer (D-OR), uno dei principali sostenitori della riforma al Congresso. "Ora, dopo molti mesi di duro lavoro e collaborazione, abbiamo finalmente la possibilità di porre fine alla fallimentare politica di proibizione che si è tradotta in un lungo e vergognoso periodo di applicazione selettiva contro le persone di colore, in particolare i neri".

"Mentre le persone in tutto il paese protestano contro le ingiustizie razziali, c'è ancora più urgenza per il Congresso di cogliere questa opportunità storica e finalmente allineare le nostre leggi sulla cannabis con ciò che la maggioranza degli americani sostiene, garantendo nel contempo la giustizia riparativa", ha detto.

In una lettera alla leadership della Camera all'inizio di agosto, una coalizione delle principali organizzazioni per la politica sulla droga e per i diritti civili, tra cui l'American Civil Liberties Union, NAACP, Human Rights Watch, Drug Policy Alliance (DPA), ha chiesto una votazione di sala sul MORE Act entro la fine di settembre.

"Siamo soddisfatti di vedere la leadership del Congresso intraprendere i prossimi passi per votare il MORE Act a fine settembe", ha detto a Marijuana Moment Queen Adesuyi, responsabile delle politiche per DPA. “L'avanzamento di questo disegno di legge soddisfa i principi di questo momento politico in cui milioni di americani chiedono modifiche allo status quo. I Democratici alla Camera hanno l'incredibile opportunità di presentare un disegno di legge che gode di sostegno bipartisan mentre risponde alle richieste di riforma della giustizia, e giustizia razziale, che attraversa tutto il paese ".

La rappresentante Barbara Lee (D-CA), che, insieme a Blumenauer, è co-presidente del Congressional Cannabis Caucus, ha affermato che è "estremamente incoraggiante vedere la nostra leadership della Camera andare avanti su questo tema".

"Stiamo affrontando tempi difficili nella nostra lotta per l'equità razziale e la riforma della legge, e l'approvazione della legge MORE è fondamentale per affrontare le storie di ingiustizia del nostro paese", ha detto. "Questo è il prossimo passo nel nostro obiettivo di porre fine al dannoso divieto della cannabis nel 2021".

Se la Camera approverà il disegno di legge, ci sarà ancora un dubbio sul fatto che il Senato controllato dai repubblicani posa fare altrettanto. Il leader della maggioranza Mitch McConnell (R-KY) è un forte sostenitore della canapa, ma ha mantenuto una ferma opposizione a una più ampia riforma della marijuana.

È possibile che l'azione della Camera possa spronare il Senato ad adottare solo una parte della legislazione sulla riforma della cannabis come la legge sul rafforzamento del decimo emendamento attraverso l'affidamento della questione agli Stati (STATES Act). Quel disegno di legge, che è sponsorizzato dai Sen. Cory Gardner (R-CO) ed Elizabeth Warren (D-MA), consentirebbe semplicemente agli Stati di impostare le proprie politiche sulla marijuana senza timore di un intervento federale.

Il presidente Trump ha espresso sostegno alla proposta.

l’approvazione lla legge MORE non sarà la prima volta che la Camera approva la riforma della cannabis in aula durante questa legislatura. La Camera ha approvato un pacchetto di aiuti per il coronavirus a maggio che include disposizioni per proteggere le banche che servono le imprese di marijuana legali statali dall'essere penalizzate dalle autorità federali. L'anno scorso ha anche approvato la legge bancaria SAFE (Secure and Fair Enforcement) indipendente.
I sostenitori sono rimasti delusi dopo che i legislatori hanno rifiutato di includere la legalizzazione della marijuana in un recente disegno di legge di riforma della polizia approvato dalla Camera. Diversi legislatori hanno affermato che si trattava di un veicolo appropriato per il cambiamento di politica, poiché porre fine alla criminalizzazione della cannabis ridurrebbe al minimo le interazioni della polizia.

"Il passaggio del MORE Act è essenziale per correggere veramente i torti della criminalizzazione federale della marijuana e per consentire una volta per tutte alla maggior parte degli stati che hanno legalizzato la cannabis per uso medico o per adulti di adottare queste politiche, libere dalla minaccia di indebiti procedimenti o interferenze federali ”, ha detto il vicedirettore di NORML Paul Armentano. "Una votazione in Aula ci farà chi sta con la maggioranza degli americani nel sostenere la fine della fallita politica federale di divieto della marijuana e, altrettanto importante, sapremo che il Congresso desidera continuare a minacciare la libertà dei milioni di americani che risiedono in stati che hanno messo in atto alternative di buon senso alla criminalizzazione della cannabis".

Un senatore democratico ha recentemente affermato che la legalizzazione sarebbe una priorità per il 2021 se il candidato presidenziale democratico Joe Biden e il suo vice Sen. Kamala Harris (D-CA) fossero eletti.

Detto questo, la legalizzazione non è decisamente una priorità di Biden, poiché l'ex vicepresidente ha mantenuto un'opposizione alla vasta riforma nonostante il sostegno della maggioranza dei democratici. Ha tracciato un limite per la depenalizzazione del possesso di cannabis, la legalizzazione della marijuana medica, l'eliminazione definitiva e la modesta riprogrammazione.
Harris, nel frattempo, è lo sponsor principale del Senato del MORE Act.
Il comitato della piattaforma del Comitato nazionale democratico ha recentemente respinto un emendamento che avrebbe aggiunto la legalizzazione come obiettivo del partito del 2020. Alcuni sostenitori sospettano che ciò sia dovuto al fatto che il partito non voleva adottare una politica in contrasto con l'agenda del loro candidato alla presidenza. Lee ha votato contro l'emendamento del DNC, ma ha recentemente affermato che Biden deve evolversi e supportare la legalizzazione.

(articolo di Kyle Jaeger su Marijuana Moment del 28/08/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori