testata ADUC
 FRANCIA - FRANCIA - Legalizzazione cannabis. Missione parlamentare la raccomanda
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
5 maggio 2021 9:47
 
Legalizzare la cannabis per "riprendere il controllo" di fronte ai trafficanti e proteggere meglio i minori: è quanto raccomandano i deputati di una commissione parlamentare in un rapporto pubblicato oggi 5 maggio, agli antipodi della lotta alla droga difesa dal governo.
"Per cinquant'anni il proibizionismo ha adottato un obiettivo irraggiungibile, senza mai avere i mezzi per raggiungere le sue ambizioni. La legalizzazione è il modo migliore per riprendere il controllo e proteggere i francesi", riassume Caroline Janvier, la deputata LREM che ha coordinato questo lavoro. Guidata da alcuni esponenti della maggioranza presidenziale, la commissione nega di "essere lassista" e rileva il "fallimento" delle politiche pubbliche, dopo molteplici audizioni di medici, poliziotti, magistrati e ricercatori. "Lo Stato assiste impotente alla banalizzazione della cannabis tra i giovani e il deterioramento della sicurezza" nonostante una "politica repressiva francese che è costosa e mobilita eccessivamente la polizia", ??notano i deputati.

Il budget assegnato a polizia, gendarmeria e dogana per la lotta alla droga è quasi raddoppiato tra il 2012 e il 2018, raggiungendo 1,08 miliardi di euro all'anno, notano. Tuttavia, la Francia rimane il campione europeo del consumo di cannabis, con 5 milioni di consumatori annuali e 900.000 fumatori giornalieri. In lieve calo, il consumo dei minori resta il doppio della media europea.
Una sfida sanitaria "fallita", nonostante una politica che si rivolge più ai consumatori di cannabis che ai trafficanti. Dei 160.000 reati legati alla droga individuati nel 2020, l'81% è relativo al consumo.

Il rapporto sfata di sfuggita il "mito" di una Francia tra le più repressive d'Europa. Se il consumo di droga è punibile con un anno di reclusione e una multa di 3.750 euro, la stragrande maggioranza dei consumatori riceve solo un promemoria della legge o una multa.

Per quanto riguarda il traffico, la media delle condanne pronunciate per il possesso di 10 chili di cannabis colloca la Francia come ... il terzo Paese europeo meno repressivo. I deputati denunciano quindi "l'ipocrisia dei discorsi che si tengono regolarmente".
Emmanuel Macron ha recentemente definito l'eradicazione del traffico di droga "la madre delle battaglie" e il suo ministro dell'Interno Gérald Darmanin su Twitter accoglie con favore ogni "smantellamento" di "point of deal".
Questa politica, con il suo piano antidroga e l'introduzione da settembre di una sanzione fissa per consumo di stupefacenti di 200 euro, sembra però agli occhi dei deputati "destinata a fallire come le precedenti".

Una minaccia per i minori
Il rapporto riformula le sfide poste dalla cannabis, con il supporto della ricerca. Meno pericolosa per gli adulti dell'alcol o del tabacco, questa droga rappresenta prima di tutto una minaccia per i minori, nei quali il consumo raddoppia il rischio di schizofrenia o disturbi d'ansia, o addirittura depressione. Tuttavia, la prevenzione spesso si riduce a una sessione informativa all'anno, organizzata in modo molto casuale a seconda della scuola.
In caso di legalizzazione, il gettito fiscale potrebbe raggiungere "2 miliardi di euro" e finanziare questo obiettivo come priorità, sostengono i deputati.
"Stiamo proponendo una vera politica di riduzione del danno e di smettere di fare la guerra ai consumatori al fine di riorientare davvero la polizia verso la lotta contro il traffico", insiste Caroline Janvier.

In questa prospettiva, il rapporto analizza la legalizzazione in corso in Canada e in 15 Stati americani, che sembra tradursi in un calo dei consumi dei minori e in una riduzione del mercato nero. E dettaglia le condizioni di un possibile "modello francese di legalizzazione regolamentata". Quale prezzo dovrebbe essere impostato per competere con i trafficker? In quali luoghi consentirne l'utilizzo? Dovremmo creare negozi vietati ai minori, che hanno troppo facile accesso ad alcol e tabacco in Francia? Come reintegrare coloro che sono dediti al traffico? ci sono molte domande.
Per rispondervi, i deputati raccomandano un dibattito nazionale in Assemblea, una convenzione dei cittadini o addirittura un referendum. Suggerimenti a cui l'esecutivo non sarà sensibile. Dieci giorni prima di questo rapporto, Emmanuel Macron ha escluso qualsiasi modifica legislativa ed ha invece chiesto "un grande dibattito nazionale sul consumo di droga e sui suoi effetti deleteri". "La destra non si evolverà affatto su questo nel dibattito presidenziale, neanche Emmanuel Macron", si rammarica per AFP il vice LR Robin Reda, che ha presieduto questa missione. "Probabilmente se ne parlerà oltre il 2022".

(da un lancio France Presse - AFP)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori