testata ADUC
 TAILANDIA - TAILANDIA - Legalizzazione cannabis. Ok per il 58%
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
21 giugno 2022 12:40
 
La maggioranza delle persone è d'accordo con la rimozione della cannabis dall'elenco dei narcotici di categoria 5, affermando che la pianta può essere utilizzata per scopi economici e medici, ma è ancora preoccupata che possa essere utilizzata in modo inappropriato da bambini e giovani, secondo un sondaggio d'opinione.

L'indagine del National Institute of Development Administration, o Nida Poll. è stato condotto dal 13 al 15 giugno tramite interviste telefoniche a 1.310 persone di età pari o superiore a 15 anni di vari livelli di istruzione, occupazione e reddito in tutto il paese.

Alla domanda su come considerassero la rimozione della cannabis dall'elenco delle droghe, una iniziativa che ha legalizzato la coltivazione e l'uso della pianta a determinate condizioni, la maggioranza - 58,55% - è d'accordo. Di loro, il 34,81% è fortemente d'accordo, affermando che è una pianta preziosa che può generare reddito ed essere utilizzata per scopi medici. Un altro 23,74% era moderatamente d'accordo, affermando che la pianta è più utile che dannosa.

D'altra parte, il 41,45% era in totale disaccordo - con il 24,98% che sostiene che è dannosa per bambini e giovani e il governo non è in grado di controllarne l'uso. Un altro 16,56% è in moderato disaccordo, affermando che l'uso della ganja è pericoloso per la salute.

Alla domanda se fossero preoccupati per l'uso improprio della cannabis tra bambini e giovani, il 42,44% ha detto "sì", molto; il 29,62% ha detto "sì", in una certa misura; il 16,95% non era affatto preoccupato; e il 10,99% era alquanto preoccupato.

Alla domanda su come i thailandesi userebbero la marijuana in futuro, il 34,05% ha scelto scopi medici; 31,15% scopi ricreativi; 22,21% per l'uso in alimenti e bevande; e 12,59% per vari prodotti commerciali.

Alla domanda sulla propria esperienza con la cannabis, il 67,02% ha affermato di non avere alcuna esperienza con essa, mentre il 32,98% (432 intervistati) ha affermato di averne avuto una certa esperienza.

Di quelli con esperienza, il 30,56% ha dichiarato di aver fumato marijuana; il 21,06% la utilizzava per scopi medici; il 6,94% aveva coltivato la pianta; l'1,39% aveva fatto dei prodotti a base di cannabis per scopi commerciali; e lo 0,23% ne era stato coinvolto nel commercio.

(Bangkok Post del 19/06/2022)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS