testata ADUC
 NUOVA ZELANDA - NUOVA ZELANDA - Legalizzazione cannabis. I sondaggi la danno vincente
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
27 maggio 2020 10:08
 
Un sondaggio su quasi 2.000 neozelandesi rivela che l’83% non crede che il divieto di uso personale di cannabis funzioni e il 72% afferma che avere un regime controllato per coltivare e vendere cannabis per uso personale sarebbe meglio per la società.
Il sondaggio ha quindi rivelato che il 54% dei neozelandesi voterebbe per legalizzare l’uso personale della cannabis nel referendum di settembre. Quelli contro si fermano al 45%, con l’1% che rifiuta di rispondere alla domanda.
L’indagine, che è stata effettua a fine febbraio su 1.986 adulti neozelandesi, è il quinto di una serie di sondaggi che tracciano l’opinione nazionale sulla riforma della legge sulla cannabis. Commissionato dalla più grande azienda di cannabis medicinale della Nuova Zelanda, Helius Therapeutics, i cinque sondaggi consecutivi sono stati condotti da Horizon Research.
Rispetto ai precedenti sondaggi è stata forzata la risposta sì/no, in modo da chiedere agli indecisi di schierarsi. Questo ha portato ad un aumento dei favorevoli di sei punti dal 48% di novembre. Nel mese di agosto il supporto era stato registrato al 39%; ad aprile dell’anno scorso il supporto era al 52%, mentre a novembre 2018 era al 60%.
Rispetto ai dati in profondi l’amministratore delegato di Helius Therapeutcis, Manning, segnala che i sondaggi su questo tema continueranno a muoversi, ma in particolare questa è la prima volta da novembre 2018, in questa serie di sondaggi di monitoraggio, nella quale la maggior parte delle fasce d’età tra i 18 ei 64 anni afferma che voteranno per legalizzazione e controllo.
Invece riguardo alla maggioranza schiacciante di cittadini secondo cui il proibizionismo è un fallimento, va notato che questa era più forte tra i neozelandesi di mezza età e quelli più anziani.
“I kiwi hanno chiaramente parlato.”
Secondo Manning i cittadini neozelandesi “sono uniti nella convinzione che il proibizionismo stia fallendo e che sarebbe preferibile una regolazione legale. Tuttavia, questo sondaggio evidenzia anche un vero paradosso. I kiwi più anziani e conservatori, in particolare, accettano apertamente che la cannabis sia ampiamente disponibile e regolamentata, ma non vogliono mettere una croce sul quesito del referendum che innescherebbe la legge sulla legalizzazione e il controllo della cannabis. Sorge la domanda, cosa vogliono?”
l problema della polarizzazione rimane principalmente di tipo politico. Fra gli elettori del National Party (conservatori) l’82% afferma che il divieto non funziona, il 79% ritiene che i controlli avrebbero prodotto risultati migliori, ma solo il 27% voterà per legalizzare la cannabis per uso personale; gli elettori di New Zealand First per l’89% affermano che il divieto non funziona, il 79% ritiene che i controlli sarebbero migliori, ma il 46% voterà per legalizzare; fra gli elettori di Act l’89% ritiene che il divieto non funzioni, il 71% ritiene che i controlli sarebbero migliori, ma il 45% voterà per legalizzare; fra gli elettori laburisti il ??90% ritiene che il divieto non funzioni, l’80% ritiene che i controlli sarebbero migliori, ma il 64% voterà per legalizzare; infine fra gli elettori verdi il 98% ritiene che il divieto non funzioni, il 66% ritiene che i controlli sarebbero migliori e il 78% voterà per legalizzare.
“Nei prossimi sei mesi, i kiwi devono considerare chi vogliono che sia a controllare il mercato della cannabis. Organizzazioni criminali o governo. Attraverso la regolamentazione è possibile garantire la qualità del prodotto, un ambiente più sicuro per i kiwi e entrate fiscali significative per l’assistenza sanitaria “, ha affermato Manning. Il quale conclude sottolienando che l’ultimo sondaggio evidenzia ai sostenitori del referendum che non solo hanno bisogno di far votare le persone più giovani e liberali, ma dovrebbero parlare meno sulla falsariga di “liberare l’erba” e più sui vantaggi dell’introduzione della regolamentazione legale e del colpire il narcotraffico.
Risultati chiave del sondaggio sulla cannabis legale in Nuova Zelanda
Domanda: Attualmente, la produzione di cannabis per uso personale o non soggetto a prescrizione è vietata in Nuova Zelanda, con l’intenzione di limitarne la disponibilità e l’uso. Pensi che il divieto di cannabis funzioni nella società della Nuova Zelanda?
Tutti gli intervistati:
14% – Sì, la cannabis è di difficile accesso e raramente utilizzata nella società della Nuova Zelanda.
83% – No, la cannabis è disponibile e utilizzata da molti neozelandesi.
4% – Nessuna risposta fornita.
Domanda: attualmente la coltivazione di cannabis per uso personale è vietata in Nuova Zelanda. Quale delle seguenti opzioni pensi avrà un esito migliore per la società neozelandese?
Tutti gli intervistati:
26% – Continuando senza controlli sulla coltivazione e la vendita di uso personale.
72% – Controlla la coltivazione e la vendita di uso personale.
2% – Nessuna risposta fornita.
Domanda: Al momento, pensi di votare a favore o contro la legalizzazione della cannabis per uso personale in Nuova Zelanda?
Tutti gli intervistati:
54% – per
45% – contro
1% – nessuna risposta
SESSO:
Maschio – 53% per
Femmina – 55% per
Fascia di età:
18-24 anni: 62% per
25-34 anni: 67% per
35 – 44 anni: 61% per
45 – 54 anni: 57% per
55-64 anni: 54% per
65 – 74 anni: 37% per
75 anni o più: 24% per
Per partito votato nel 2017:
ACT: 45% a favore / 55% contro
Verde: 78% a favore / 21% contro
Labour: 64% a favore / 35% contro
National Party: 27% a favore / 72% contro
NZ First: 46% a favore / 54% contro

(da Fuoriluogo)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori