testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Morto in incidente stradale. Risarcimento Anas con sentenza dopo venti anni
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
7 ottobre 2020 11:39
 
Anas dovra' risarcire per 250mila euro i parenti di un diciannovenne deceduto in un incidente stradale a Modena avvenuto piu' di vent'anni fa, il 5 marzo del 2000, sulla tangenziale Mistral a causa del quale perse la vita anche una 17enne modenese che era al suo fianco sul sedile passeggero (rimase ferita gravemente anche una terza giovane). E' la decisione della seconda sezione civile della Corte d'Appello di Bologna che, come riporta la stampa locale, ha ribaltato la sentenza di primo grado emessa dal tribunale di Modena che aveva individuato nella velocita' dell'auto (120 chilometri orari su un tratto con il limite dei 70) la causa della duplice tragedia. Accogliendo il ricorso presentato dall'avvocato reggiano Cristina Cataliotti, che rappresenta la famiglia del conducente 19enne, di Castellarano, la Corte d'Appello ha invece stabilito che nel duplice decesso fu una concausa una interruzione del guard rail. La barriera stradale contro la quale fini' l'auto era discontinua, con due segmenti separati da un ampio varco di 8-9 metri metri. L'auto fini' proprio in quel segmento 'vuoto' e uno dei vertici del guard-rail, non arrotondato, entro' dentro l'abitacolo. "A causa dell'interruzione della barriera stradale - si legge nella sentenza - questa non solo non e' stata in grado di assolvere alla funzione contenitiva, ma e' divenuta essa stessa causa diretta dell'evento mortale". Amaro il commento del padre del 19enne morto: "Da quel giorno abbiamo perso tutto, e' passata una vita". "Finalmente e' stata resa giustizia a chi la chiedeva da vent'anni", aggiunge l'avvocato Cataliotti. La responsabilita' di Anas e' stata riconosciuta al 30%. Ad entrambi i genitori andranno 99.824 euro, 31.943 alla sorella convivente e 15.971 all'altra sorella non convivente del 19enne. 
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori