testata ADUC
 CANADA - CANADA - Il Québec vieta vendita di cannabis e alcool ai non-vaccinati covid
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
9 gennaio 2022 16:41
 
Mentre la variante del coronavirus omicron imperversa in tutto il Canada, il governo della Coalition Avenir Québec (CAQ) ha fatto ricorso ancora una volta a controverse misure aggressive nella speranza di reprimere la diffusione del virus.
Oltre a ripristinare il coprifuoco notturno che ha tenuto a casa i Quebecker dopo le 20:00 (21:30 in alcune regioni) per quasi cinque mesi lo scorso inverno, il ministro della Salute del CAQ Christian Dubé ha annunciato la scorsa settimana che il sistema di pass per i vaccini del Québec sarebbe ora esteso alla cannabis provinciale e negozi di alcolici.
Il ministro della Salute spera che questa disposizione incentivi i non vaccinati a ricevere la prima dose.
A partire dal 18 gennaio, i residenti avranno bisogno di un pass per i vaccini per entrare in un negozio al dettaglio di cannabis. Tuttavia, i residenti possono ancora ordinare online e farsi consegnare i prodotti a casa.

La cannabis rimane "essenziale" ma solo per i vaccinati
"Sembra che per il governo cannabis e alcol stiano di fatto cambiando status", spiega il professor Jean-Sébastien Fallu dell'Università di Montréal, esperto di disadattamento psicosociale e disturbo da uso di droghe.
"L'anno scorso, quando il governo ha deciso di qualificare cannabis e alcol beni essenziali, c'è stato un ampio consenso tra gli esperti che erano d'accordo con questa decisione per diversi motivi".
In merito Fallu afferma: "La decisione non ha davvero senso. La mia prima reazione è stata di chiedermi: non è essenziale? Lo è chiaramente. E il pass per il vaccino dovrebbe consentire l'accesso solo a beni e servizi non essenziali".
"Non sono davvero sicuro che le persone che non sono già vaccinate correranno per ottenere la vaccinazione perché non possono accedere alla cannabis o all'alcol",
Fallu si preoccupa maggiormente delle persone che si automedicano con cannabis o alcol. Coloro che dipendono da alcol possono affrontare sintomi di disintossicazione potenzialmente pericolosi per la vita, il che significa che hanno un bisogno fisico di alcol. C'è chi ha un bisogno emotivo creato dalla crisi in corso del COVID.
"Molte persone affrontano [difficoltà consumando] droghe, specialmente durante una pandemia", condivide Fallu. “Il ministro della Salute Dubé ha detto che potrebbe fare un'eccezione per le persone con una prescrizione medica per alcol. Bene, non sono sicuro di quanto sia facile vedere un medico e ottenere una prescrizione per l'alcol"

Il governo del Québec sta punendo i non vaccinati?
Per quanto riguarda l'obiettivo di ridurre la trasmissione di COVID in Québec, Fallu si chiede come questi particolari mandati vaccinali contribuiranno a tale causa. Nota che gli acquirenti dei punti vendita SQDC e SAQ sono mascherati e distanziati e pochi rimarranno in negozio per più di 10 minuti.
"Il motivo", dice Fallu, "è davvero punire i non vaccinati, costringerli a vaccinarsi e accontentare la popolazione, in particolare gli elettori del CAQ".
Ma quanto è efficace la coercizione come mezzo per convincere chi resiste al vaccino a cedere e ad accettare? Fallu dubita che questa nuova disposizione possa aiutare a ridurre i numeri di COVID, ora così fuori controllo che il governo ha perso il conto.
"Non sono davvero sicuro che le persone che non sono già vaccinate correranno per ottenere la vaccinazione perché non possono accedere alla cannabis o all'alcol", dice Fallu. Con il tasso di vaccinazione del Québec al 90%, è probabile che coloro che rimangono non vaccinati scelgano di farlo o abbiano un motivo medico che li esenta.
“Sappiamo che la coercizione potrebbe funzionare in una popolazione in cui le persone potrebbero già essere d'accordo [con la vaccinazione], ma stai parlando di persone che non vogliono essere vaccinate. Più entreremo nella repressione, meno efficace sarà”.

Il Québec ama l'erba. Il governo? Non così tanto
La situazione è completamente diversa dalle vaccinazioni obbligatorie e Fallu teme che il piano si ritorcerà contro gravando sulle popolazioni più emarginate del Québec.
"[Tra] le persone che non sono vaccinate al momento, c'è una sovrarappresentazione di poveri, emarginati e persone poco istruite", spiega Fallu.
“Per me, questa decisione è un diversivo rispetto ad altre questioni importanti. È una buona cosa per il Premier Legault che le persone siano arrabbiate con i non vaccinati, perché non stanno esaminando altre questioni importanti nel modo in cui il governo ha gestito la pandemia".

Infine, Fallu riconosce la profonda ostilità del CAQ nei confronti della cannabis.
Quando il partito ha preso il potere nel 2018, due settimane prima della legalizzazione federale, il CAQ ha chiarito che si opponeva alla legalizzazione, che secondo loro ignorava "la lotta contro la cannabis" e non "limitava gli effetti perversi del consumo di cannabis".
Il CAQ è entrato in carica, pochi istanti prima della legalizzazione del Canada, con un quadro normativo che, secondo loro, è stato progettato per "combattere deliberatamente il consumo di questa droga [e] limitare il più possibile l'uso di marijuana".
In quanto tale, Fallu sospetta che il CAQ sia stato lieto di limitare l'accesso all'SQDC, ma ad un costo
Per quanto riguarda l'obbligo delle vaccinazioni per l'ingresso nei negozi, Fallu afferma che “potrebbe far parte di un continuum di interventi, ma affidarsi solo alla repressione e alla coercizione non è sufficiente. Hai bisogno di molte altre strategie, tra cui l'istruzione e la riduzione del danno".

(Leafly del 07/01/2022)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS