testata ADUC
 MONDO - MONDO - I taxi autonomi di Intel prenderanno servizio a Monaco e Tel Aviv
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
10 settembre 2021 5:46
 
Saranno Monaco di Baviera e Tel Aviv le prime città a vedere entrare in azione i taxi a guida autonoma di Intel, svelati all'ultimo evento IAA Mobility, che è in corso in questi giorni proprio a Monaco.
Si tratta di veicoli a sei posti, battezzati con poca fantasia AVKIT58, realizzati dalla sussidiaria Mobileye e che opereranno sotto il marchio Moovit a partire dal 2022.
Sono capaci di guida autonoma di livello 4 e di livello 5 ossia, in teoria, sono in grado di operare anche senza la presenza di un essere umano che stia dietro al volante per prendere il controllo in caso di emergenza: le due città sono state scelte per iniziare il servizio proprio perché già consentono la circolazione di veicoli autonomi di livello 4.
A questo scopo sono dotati del SoC EyeQ5 di Mobileye, al quale spetta il compito di gestire il complesso apparato di videocamere, radar e lidar che consente all'auto di conoscere l'ambiente circostante per potersi muovere in sicurezza.
 Per "addestrare" la flotta di veicoli a viaggiare nel traffico cittadino, Intel ha scelto una strada diversa da quella adottata da Tesla, che fa affidamento all'intelligenza artificiale.
Ha infatti lanciato il programma Road Experience Management (REM) per creare, facendo leva sul crowdsourcing, una mappa accurata e dinamica di tutte le informazioni che servono a un veicolo autonomo, dati rilevati tramite gli stessi sensori con i quali sono equipaggiati i taxi (ossia videocamere, radar e lidar).
 Mobileye - e quindi Intel - è convinta che si tratti della strategia migliore poiché, anziché affidare all'intelligenza artificiale l'interpretazione di un "mondo sconosciuto", consegna al sistema di controllo un insieme di dati praticamente completo e sempre aggiornato, in cui l'attività decisionale entra in gioco soltanto in caso di incongruenze tra ciò che dicono le mappe e le informazioni rilevate al momento (come il cambio di un senso unico non ancora registrato in REM, per esempio).
(ZeusNews)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori