testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Telefonini. Uso prolungato non fa male. ISS
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
8 agosto 2019 7:30
 
Nuova assoluzione per i telefoni cellulari e rischio cancro, dopo vari studi che affermavano il contrario: l'uso prolungato dei telefoni cellulari, su un arco di 10 anni, "non e' associato all'incremento del rischio di tumori maligni (glioma) o benigni (meningioma, neuroma acustico, tumori delle ghiandole salivari)". E' questa la conclusione del nuovo Rapporto Istisan 'Esposizione a radiofrequenze e tumori' curato da Istituto superiore di sanita' (Iss), Arpa Piemonte, Enea e Cnr-Irea. I dati attuali, tuttavia, rileva lo studio, "non consentono valutazioni accurate del rischio dei tumori intracranici e mancano dati sugli effetti a lungo termine dell'uso del cellulare iniziato durante l'infanzia". In base alle evidenze epidemiologiche attuali, spiegano i ricercatori, "l'uso del cellulare non risulta associato all'incidenza di neoplasie nelle aree piu' esposte alle Radiofrequenze durante le chiamate vocali. La meta-analisi dei numerosi studi pubblicati nel periodo 1999-2017 non rileva, infatti, incrementi dei rischi". Anche rispetto alla valutazione dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell'Onu nel 2011 - che ha classificato le Radiofrequenze nel gruppo 2B ("possibili cancerogeni") - le stime di rischio considerate in questa meta-analisi, si precisa nel Rapporto, "sono piu' numerose e piu' precise". Gli esperti affermano inoltre nel Rapporto che "i notevoli eccessi di rischio osservati in alcuni studi non sono coerenti con l'andamento temporale dei tassi d'incidenza dei tumori cerebrali che, a quasi 30 anni dall'introduzione dei cellulari, non hanno risentito del rapido e notevole aumento della prevalenza di esposizione". Attualmente "sono in corso ulteriori studi - precisano i ricercatori - orientati a chiarire le residue incertezze riguardo ai tumori a piu' lenta crescita e all'uso del cellulare iniziato durante l'infanzia". Nel rapporto si evidenzia inoltre che "l'ipotesi di un'associazione tra Radiofrequenze emesse da antenne radiotelevisive e incidenza di leucemia infantile, suggerita da alcune analisi di correlazione geografica, non appare confermata dagli studi epidemiologici con dati individuali e stime di esposizione".
In relazione al rischio determinato dall'uso del cellulare rispetto ai tumori intracranici sono in corso studi che, affermano i ricercatori, "contribuiranno a chiarire le residue incertezze". In base alle evidenze epidemiologiche attuali, spiega dunque il Rapporto, "l'uso del cellulare non risulta associato all'incidenza di neoplasie nelle aree piu' esposte alle Radiofrequenze durante le chiamate vocali. La meta-analisi dei numerosi studi pubblicati nel periodo 1999-2017 non rileva, infatti, incrementi dei rischi". Rispetto alla valutazione della Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell'Onu nel 2011, le stime di rischio considerate in questa meta-analisi, precisano i ricercatori, "sono piu' numerose e piu' precise". Gli esperti affermano inoltre nel Rapporto che "i notevoli eccessi di rischio osservati in alcuni studi non sono coerenti con l'andamento temporale dei tassi d'incidenza dei tumori cerebrali che, a quasi 30 anni dall'introduzione dei cellulari, non hanno risentito del rapido e notevole aumento della prevalenza di esposizione". Attualmente "sono in corso ulteriori studi - precisano i ricercatori - orientati a chiarire le residue incertezze riguardo ai tumori a piu' lenta crescita e all'uso del cellulare iniziato durante l'infanzia". Nel rapporto si evidenzia anche che "l'ipotesi di un'associazione tra Radiofrequenze emesse da antenne radiotelevisive e incidenza di leucemia infantile, suggerita da alcune analisi di correlazione geografica, non appare confermata dagli studi epidemiologici con dati individuali e stime di esposizione basate su modelli geospaziali di propagazione".
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori