testata ADUC
 USA - USA - Tossicodipendenza. Distributori automatici salvavita a New York
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
12 gennaio 2022 10:18
 
Le autorità sanitarie di New York City hanno annunciato un piano per l'installazione di 10 "distributori automatici della salute pubblica" con siringhe sterili, un farmaco anti-overdose e altre forniture per "ridurre i danni" e aiutare i quartieri che sono stati duramente colpiti da overdose di droga.
I distributori automatici, che sono previsti per i quartieri di tutti e cinque i distretti, avranno anche articoli da toeletta e kit per il sesso sicuro, secondo Michael McRae, vice commissario esecutivo ad interim del dipartimento della salute della città. Tutti gli articoli nei distributori automatici saranno gratuiti, ha detto, aggiungendo che il dipartimento spera di avere i distributori automatici in strada quest'anno.
"Si tratta davvero di ampliare l'accesso ai servizi di salute e benessere", nell’ambito di un programma pilota da $ 730.000 che al mkomento sta cercando fino a sei appaltatori.
Lo scopo principale dei distributori automatici è di frenare le overdose in tutta la città aumentando la disponibilità di naloxone, un farmaco che agisce per invertire rapidamente gli effetti di un'overdose di oppioidi. "Ogni quattro ore c'è un overdose qui", ha detto il dottor McRae.
Come in tutto il paese, le morti per oppioidi a New York City sono aumentate in modo significativo durante la pandemia di coronavirus. Ci sono stati 2.062 decessi per overdose in città nel 2020, secondo i dati pubblicati lo scorso anno dal Dipartimento della salute e dell'igiene mentale di New York City, il totale più alto da quando sono iniziate le segnalazioni sui decessi per overdose nel 2000 e oltre 500 in più rispetto al 2019.
"I decessi per overdose a New York City non sono equamente distribuiti in tutta la città, con alcuni gruppi e quartieri che subiscono aumenti sproporzionati", ha affermato il mese scorso il Fondo no profit per la salute pubblica di New York in una richiesta di proposte da parte di organizzazioni interessate a prendere la guida del progetto. Il fondo, che ha emesso la richiesta per conto del Dipartimento della salute e dell'igiene mentale, ha fissato la scadenza per le proposte al 20 gennaio. Il dipartimento della salute assegnerà i contratti il ??31 gennaio.
Secondo i dati del dipartimento sanitario del 2020, i decessi per overdose tra i newyorkesi bianchi erano diminuiti durante i tre anni precedenti, mentre i tassi tra i newyorkesi neri erano aumentati nell'anno precedente e i tassi tra i latini erano aumentati per cinque anni consecutivi.
I residenti nei quartieri poveri di neri e latinoamericani come Mott Haven nel South Bronx e East Harlem a Manhattan hanno riportato i tassi più alti di decessi per overdose non intenzionale nel 2020.
"Il razzismo strutturale nella politica e nell'applicazione delle droghe è stato collegato a un ridotto accesso ai servizi, a risultati sanitari peggiori e a un aumento del rischio di overdose", afferma la richiesta.
La sollecitazione a presentare proposte ha identificato diversi quartieri come priorità per le macchine, tra cui Central Harlem e Union Square a Manhattan, Far Rockaway nel Queens, Stapleton a Staten Island e East New York a Brooklyn.
L'accesso ad aghi puliti è importante per prevenire la diffusione dell'H.I.V. ed epatite C, nonché infezioni della pelle e dei tessuti molli, ha detto giovedì Mike Selick, direttore associato della National Harm Reduction Coalition.
“Sappiamo che l'accesso alla siringa è efficace; questa è solo un'altra forma dello stesso", ha detto in un'intervista. I programmi di accesso alle siringhe sono un modo collaudato per tagliare l'H.I.V. limitando il riutilizzo di aghi contaminati, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.
Proposte come quella di New York servono a "rendere il materiale, le attrezzature sanitarie e le forniture sanitarie accessibili alle persone che ne hanno più bisogno, dove si trovano già, nei loro orari e tempi, e senza lo stigma o la vergogna”, ha detto Sheila P. Vakharia, vicedirettore per la ricerca e l'impegno accademico presso la Drug Policy Alliance.

Nello Stato di New York, le persone possono già ottenere fino a 10 siringhe pulite nelle farmacie che partecipano al programma statale di accesso alle siringhe. Ma secondo il dottor Vakharia, molti consumatori di droghe preferirebbero evitare un'interazione faccia a faccia con un farmacista e molte farmacie sono chiuse a tarda notte, quando il consumo di droga è più diffuso e le persone hanno più bisogno di forniture sicure.
Lo stesso vale per l'accesso al naloxone, ha aggiunto. "È un farmaco che dovrebbe essere prontamente disponibile e accessibile alle persone quando ne hanno più bisogno, e non fa male se riusciamo a renderlo più prontamente disponibile", ha detto.

I critici della proposta hanno affermato che i distributori automatici non riescono ad affrontare le questioni più critiche relative alla dipendenza.
"Sono d'accordo che non possiamo ignorare i dati devastanti sulla tossicodipendenza e le overdose senza fare di più", ha dichiarato giovedì in una e-mail il consigliere David Carr, un repubblicano di Staten Island che rappresenta uno dei quartieri prioritari nel piano.
"Ma ritengo che sia irresponsabile posizionare semplicemente distributori automatici pieni di siringhe e Narcan nei quartieri, senza fornire ai tossicodipendenti il ??supporto e l'assistenza reale di cui hanno bisogno", ha aggiunto, riferendosi a una versione del naloxone.
Ma i sostenitori del piano sostengono che l'installazione del distributore automatico è "la cosa intelligente da fare". "Non vogliamo che sia più facile infettarsi con gli aghi", ha affermato Selick, della National Harm Reduction Coalition. "Non vogliamo che sia più facile procurarsi la droga per strada piuttosto che ottenere l'aiuto, le forniture e le buone informazioni che devi sapere".

(da The New York Times del 08/01/2022)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS