testata ADUC
 FILIPPINE - FILIPPINE - War on drugs. Corte Penale Internazionale sospende indagini su richiesta governo
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
20 novembre 2021 12:09
 
 La Corte penale internazionale (Cpi) ha annunciato di aver sospeso temporaneamente le sue indagini sulla guerra alla droga condotta dal governo filippino di Rodrigo Duterte, a seguito di una richiesta di Manila che ne ha chiesto il rinvio.
A settembre, i giudici della CPI, con sede all'Aia, avevano autorizzato un'inchiesta su questa guerra alla droga segnata da migliaia di omicidi commessi dalla polizia, ritenendola un attacco illegittimo e sistematico contro la società civile.
"L'accusa ha temporaneamente sospeso le sue attività investigative mentre valuta la portata e l'effetto della richiesta di rinvio", ha scritto il procuratore dell'ICC Karim Khan in una notifica del tribunale datata giovedì 18 novembre: l'accusa si avvarrà di ulteriori informazioni dalle Filippine.

Secondo i documenti del tribunale, l'ambasciatore filippino nei Paesi Bassi Eduardo Malaya ha chiesto un rinvio delle indagini, affermando nella sua richiesta che il governo filippino sta indagando su presunti crimini contro l'umanità commessi durante la guerra alla droga. Il governo "ha avviato e continua a condurre indagini approfondite su tutti i decessi segnalati durante le operazioni di droga nel Paese", scrive l'ambasciatore.

"La CPI deve indagare"
Per l'organizzazione non governativa Human Rights Watch (HRW), “solo 52 omicidi su migliaia sono sotto inchiesta preliminare. Nonostante molti casi di omicidio evidenti, non sono state formulate accuse", ha scritto su Twitter Brad Adams, direttore asiatico di HRW. “La realtà è che l'impunità è la norma sotto il presidente Duterte, motivo per cui la Corte penale internazionale deve indagare. Speriamo che l'ICC veda chiaramente questo stratagemma", ha aggiunto.

Duterte è stato eletto presidente nel 2016 dopo una tragica campagna di sicurezza, promettendo di sradicare il traffico di droga nelle Filippine uccidendo decine di migliaia di criminali.
Almeno 6.181 persone sono state uccise in oltre 200.000 operazioni di controllo della droga da luglio 2016, secondo gli ultimi dati ufficiali diffusi dalle Filippine. Tra le 12.000 e le 30.000 persone sono state uccise, stimano i pubblici ministeri della CPI.

Manila si è ritirata dalla Corte penale internazionale nel 2019, ma il tribunale assicura che il tribunale è rimasto competente per i crimini commessi quando il paese era ancora membro. Dopo aver rifiutato di collaborare con l'indagine della CPI, Duterte ha fatto marcia indietro in ottobre e ha annunciato che avrebbe preparato la sua difesa.
(AFP)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS