testata ADUC
L'intelligenza artificiale entra nel tuo bagno
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 ottobre 2019 14:19
 
L'intelligenza artificiale è sempre più presente nella vita di tutti i giorni, grazie in particolare allo sviluppo dell'apprendimento automatico e di quello più profondo, che gli consente di analizzare il mondo e proporre nuove soluzioni. Dopo aver imparato i videogiochi, aver creato video realistici o aver completato la ricerca, l'IA ora attacca le feci umane.
Le feci sono una vera miniera di informazioni mediche. L'aspetto visivo fornisce informazioni sullo stato della flora intestinale, sulla dieta e fornisce informazioni su disfunzioni e malattie dell'apparato digerente. Un gruppo di ricercatori intende creare uno strumento in grado di analizzare automaticamente le immagini delle feci per valutare la salute dei pazienti. Il progetto è una collaborazione tra ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT), Auggi, un coach virtuale per la salute intestinale sotto forma di applicazione e Seed, una start-up incentrata sulla salute dei microbiomi.

Gli utenti di Internet chiamati per contribuire alla scienza
Per creare un'intelligenza artificiale in grado di diagnosticare i problemi intestinali, i ricercatori hanno prima bisogno di una banca di immagini alla bisogna di feci umane. Hanno iniziato la loro ricerca creando false feci di plastilina. Quindi, attraverso il web sono andati alla ricerca di immagini reali e hanno trovato quanto cercavano sui forum online, come Reddit, dove molti utenti discutono delle loro feci e condividono foto ... Tuttavia, il materiale disponibile era tutt'altro che sufficiente.
I ricercatori hanno lanciato una nuova campagna #GiveAShit che chiede a tutti di inviare foto delle proprie feci. Il nome è un gioco sulla parola inglese che significa "cura" o "attenzione", che letteralmente si traduce in "dare merda". In particolare, è necessario visitare seed.com/poop/ con lo smartphone, poiché il sito rifiuta le immagini da un computer. Premi il pulsante "I accept the DARE", inserisci il tuo indirizzo e-mail, l'ora del giorno in cui defechi di solito, scatta una foto della tua cacca o richiedi una risposta entro il periodo di tempo specificato.

Un database di 100.000 immagini di feci
Le immagini sono anonime e analizzate da un team di gastroenterologi, che le classificano come una delle sette categorie sulla scala di Bristol. I ricercatori sperano di creare un database di 100.000 immagini che serviranno da addestramento per l'intelligenza artificiale. L'intelligenza artificiale dovrà imparare da sola a classificarle sulla scala di Bristol per ottenere gli stessi risultati dei medici.
I ricercatori sperano di creare uno strumento diagnostico accessibile a tutti, che possa essere utilizzato soprattutto da pazienti che soffrono di problemi gastrici. "Si impegnano ogni giorno a prendere decisioni su cosa mangiare e la quantità di esercizio fisico di cui hanno bisogno per controllare i loro sintomi. È essenziale costruire questo database e sviluppare questi semplici strumenti di sorveglianza per consentire a questi pazienti di farlo da casa", ha affermato David Hachuel, cofondatore di Auggi.


(articolo di Fabrice Auclert, pubblicato su Futura-Tech del 30/10/2019)
 
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori