testata ADUC
I luoghi più resilienti dove vivere in caso di crollo della società
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 luglio 2021 18:35
 
 Il Giorno dell'Overshoot, che quest'anno si è svolto giovedì 29 luglio, è un forte indicatore della minaccia di collasso poiché simboleggia la data in cui abbiamo esaurito tutte le risorse che il pianeta può generare nello spazio di un anno. Secondo gli autori di questo studio, il crollo potrebbe manifestarsi in diversi modi: grave crisi finanziaria, distruzione della natura, insorgenza di una pandemia ancora più grave di quella del Covid-19... o una combinazione di tutti questi fattori.
Una prospettiva cupa, ma di cui si intravedono già gli inizi. In tutto il mondo i disastri naturali (incendi, inondazioni, uragani) si stanno intensificando, le carenze idriche sono sempre più frequenti. Senza dimenticare, ovviamente, la crisi sanitaria che il mondo intero sta affrontando da un anno e mezzo. Eppure alcuni paesi potrebbero fare meglio di altri. È quanto dimostra questo lavoro, pubblicato sulla rivista Sustainability,che individua in Nuova Zelanda, Islanda, Regno Unito, Tasmania e Irlanda i luoghi più adatti al mondo per sopravvivere a un collasso globale della società.
Questa nuova ricerca si basa sui risultati dell'Indice di adattamento globale dell'Università di Notre Dame (ND-GAIN) 2015, che ha valutato e classificato tutte le nazioni in termini di vulnerabilità e preparazione ai futuri cambiamenti ambientali. I paesi sono stati valutati secondo vari criteri, tra cui la loro capacità di produrre cibo per le loro popolazioni, mantenere una rete elettrica e una certa capacità di produzione.
“Fin dal suo inizio, la civiltà umana ha sperimentato una traiettoria continua di crescente complessità socio-politica, una tendenza che di recente ha registrato una drammatica accelerazione. Questo fenomeno ha provocato perturbazioni sempre più gravi al sistema terrestre, che si sono recentemente manifestate in effetti globali come il cambiamento climatico. Questi effetti creano un aumento del rischio di un evento di collasso globale ", sottolineano gli scienziati dietro questa ricerca. 

Nuova Zelanda: un esempio da seguire?
La Nuova Zelanda è il grande vincitore in questa classifica. Questo stato insulare dell'Oceania avrebbe infatti il ??maggior potenziale di sopravvivenza, grazie alla sua energia geotermica e idroelettrica, ai suoi abbondanti terreni agricoli e alla sua bassa densità di popolazione umana. Altre isole con un clima temperato e una bassa densità di popolazione hanno capacità di resilienza simili. È il caso in particolare dell'Irlanda, dell'Islanda e della Tasmania, uno stato australiano insulare situato al largo del sud-est del paese.
Il Regno Unito, oltre al suo carattere insulare, è incluso nella classifica. Questo paese densamente popolato che attualmente produce solo il 50% del suo cibo ha notevoli capacità di resilienza, "ma il quadro è più complesso e le sue caratteristiche sono nel complesso meno favorevoli", ritengono gli scienziati nello studio.
"I luoghi che non hanno subito gli effetti più eclatanti dei crolli sociali sono descritti come "salvavita" per le popolazioni umane in caso di collasso, soprattutto grazie alla persistenza dell'agricoltura", afferma il rapporto.

Nella foto: Auckland/Nuova Zelanda

(Futura Planète del 30/07/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori