testata ADUC
Il patrimonio culturale, un salvavita per le città
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
19 settembre 2019 0:01
 
 La chiave per raggiungere uno sviluppo urbano sostenibile è qualcosa che è sempre stato lì, nelle stesse città, a volte rovinato e non protetto, a volte sovra sfruttato e in parte valutato alla giusta misura. Questa chiave è nel suo patrimonio culturale, nel trasformarlo in un motore che consenta di rinnovare l'infrastruttura dei comuni. Questo è l'obiettivo del IV Forum Ibero-americano dei sindaci organizzato dalla Rete delle città della Banca interamericana di sviluppo (IDB), che si è tenuto a Siviglia (Spagna) in questi giorni sotto il titolo Live Heritage: il programma stellare che l'organizzazione internazionale presenta nella capitale andalusa.
“Vogliamo articolare la questione del patrimonio con quella dello sviluppo sostenibile. Tra le grandi sfide di qualsiasi città turistica con patrimonio culturale vi sono l'equità e l'inclusione, a cui si accede attraverso il buon governo che ha un impatto su tutti i cittadini, non solo su coloro che abitano le aree del patrimonio", ha affermato Juan Pablo Bonilla, direttore del settore IDB per i cambiamenti climatici e lo sviluppo sostenibile, che insieme al sindaco di Siviglia, Juan Espadas, ha aperto il forum a cui hanno partecipato 120 rappresentanti di 50 città di 16 Paesi dell'America Latina, dei Caraibi e della Spagna.
“Live Heritage è un nuovo programma in cui abbiamo lavorato per un anno all'IDB e la cui idea è nata nel 2017 a Mendoza [Argentina] in un'assemblea di sindaci e l'abbiamo concepito come una collaborazione tra la Spagna e la rete di sindaci dei Caraibi. Espadas ha poi affermato che vorrebbe presentarlo a Siviglia ed eccoci qui perché Siviglia ha molto da offrire, ha aggiunto Bonilla in relazione alla città dove quest'anno si è tenuto anche il primo incontro di localizzazione dell'Agenda 2030 con sede nelle Nazioni Unite. Leadership locale, trasformazione globale, con circa 200 partecipanti provenienti da una trentina di Paesi.
“L'equità è molto importante per lo sviluppo. In America Latina ci sono molti quartieri informali [baraccopoli] senza accesso ai servizi pubblici e, a volte, abitati da persone che non sono nemmeno registrate. In questi casi, il nostro obiettivo è quello di acquisire informazioni sull'informalità per sviluppare politiche pubbliche che aiutino in modo globale a strutturare questi insediamenti in modo sostenibile e anche fiscalmente responsabile", ha spiegato il responsabile dello sviluppo sostenibile dell'IDB, che ricorda che attualmente l'85% della popolazione dell'America Latina risiede nelle città.
“La grande sfida è mostrare non solo ciò che funziona bene, ma anche il resto. Le aree meno favorite in cui stiamo lavorando", ha detto il socialista Juan Espadas. …. Il sindaco di Siviglia ha inoltre avanzato la sua intenzione di applicare una tassa di soggiorno il cui reddito sarà destinato alla riabilitazione del patrimonio, una misura che dovrà essere approvata dal governo centrale. "Sarebbe una tassa di un euro a persona, il che significherebbe circa tre milioni di euro all'anno".
Espadas ha anche parlato della necessità di regolare gli appartamenti turistici in città: “Soprattutto la capacità di carico di alcune aree, che è ciò che stiamo analizzando dal punto di vista urbano e settoriale. Queste cose non si realizzano dall'oggi al domani, ma stiamo lavorando con la Junta de Andalucía, in modo che esista un quadro unificato a livello regionale e locale”.
I diversi tavoli di lavoro, che si svolgono presso la sede del Consiglio comunale di Siviglia e la Fondazione Cajasol, hanno affrontato l'uso del patrimonio culturale, non solo materiale ma anche immateriale, come motore della crescita della città. Judy Meana, vice sindaco di Panama City dal 3 luglio, cita la gentrificazione del centro storico (1,54 chilometri quadrati abitati da quasi 40.000 persone) come uno dei suoi problemi principali, insieme alla raccolta di rifiuti di cui Il governo di Panama è responsabile e che, data la sua cattiva gestione, il comune sta cercando di riprendersi. "Dobbiamo costruire alloggi sociali, perché gli edifici che sono stati riabilitati sono stati occupati da persone con più potere d'acquisto e i loro ex vicini hanno dovuto trasferirsi in quartieri periferici", ha spiegato Meana dopo l'intervento di Aina Calvo, direttore dell'agenzia spagnola di International Development Cooperation (Aecid), che ha parlato della necessità di una "grammatica del patrimonio".
"Si tratta di combinare la cultura, l'architettura e le esigenze quotidiane delle persone perché, sfortunatamente, la disuguaglianza è un problema globale che ci colpisce in modo diverso, sia in Europa che in America Latina, ma sostanzialmente ci eguaglia", …. "Non abbiamo fondi, lo avverto, ma a volte è importante avere la capacità di cercare".

(articolo di Margot Molina, pubblicato sul quotidiano El Pais del 18/09/2019)

nella foto: panoramica di Sevilla
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori