testata ADUC
Psilocibina per combattere l'anoressia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 maggio 2024 15:24
 
 L’anoressia nervosa è un grave disturbo di salute mentale in cui le persone temono l’aumento di peso. Quelli con il disturbo hanno un'immagine corporea distorta e credono rigidamente che il loro corpo sia troppo grande. Solitamente riescono a gestire questo problema attraverso un’alimentazione limitata, che porta alle gravi conseguenze mediche della malnutrizione.

L’anoressia ha uno dei tassi di mortalità più alti di qualsiasi malattia mentale. Tuttavia attualmente non esistono trattamenti farmacologici efficaci e i risultati della psicoterapia (terapia della parola) sono scarsi. Quindi abbiamo un disperato bisogno di trattamenti nuovi e migliorati.

La psilocibina, comunemente nota come funghi magici, è uno di questi nuovi trattamenti. Ma anche se sembra promettente, non lo vedrete ancora utilizzato nella pratica clinica: sono necessarie ulteriori ricerche per verificare se è sicuro ed efficace.

Cosa comporta il trattamento?
Il trattamento prevede che il paziente assuma una dose di psilocibina in un ambiente sicuro, che di solito è una clinica appositamente allestita. Il paziente viene sottoposto a terapia di preparazione prima della sessione di dosaggio e terapia di integrazione dopo.
La psilocibina, estratta dai funghi, è una sostanza psichedelica, il che significa che può produrre pensiero, senso del tempo ed emozioni alterati e spesso può provocare allucinazioni. Ha anche il potenziale per spostare i pazienti dai loro schemi di pensiero rigidi.

La psilocibina non viene somministrata da sola ma con sessioni di psicoterapia strutturata combinata per aiutare il paziente a dare un senso alle proprie esperienze e ai cambiamenti nel proprio modo di pensare. Questa è una parte importante del trattamento.

Cosa mostra la ricerca?
La ricerca ha dimostrato effetti migliori della psicoterapia assistita da psilocibina dopo una o due sessioni di somministrazione, a distanza di un paio di settimane l'una dall'altra. La maggior parte delle ricerche fino ad oggi hanno preso di mira la depressione.

È stato scoperto che la psilocibina aumenta la flessibilità cognitiva, ovvero la nostra capacità di adattare i nostri modelli di pensiero in base ai cambiamenti degli ambienti o delle richieste. Questo è uno dei modi in cui i ricercatori ritengono che la psilocibina potrebbe migliorare i sintomi di condizioni come la depressione e il disturbo da uso di alcol, che sono caratterizzate da stili di pensiero rigidi.

Allo stesso modo, le persone con anoressia lottano con schemi di pensiero rigidi. Pertanto ricercatori e medici hanno recentemente rivolto la loro attenzione all’anoressia.

Nel 2023, un piccolo studio pilota su dieci donne affette da anoressia è stato pubblicato sulla rivista Nature Medicine. Ha dimostrato che la psicoterapia assistita da psilocibina (con 25 mg di psilocibina) era sicura e accettabile. Non ci sono stati effetti collaterali significativi e i partecipanti hanno riferito di aver avuto esperienze preziose.

Sebbene lo studio non fosse uno studio formale sull’efficacia, il 40% dei pazienti ha registrato cali significativi nel comportamento legato ai disturbi alimentari.

Tuttavia, lo studio prevedeva solo una sessione di dosaggio e nessun follow-up a lungo termine, quindi sono necessarie ulteriori ricerche.
Un recente studio sugli animali condotto sui ratti ha esaminato se il pensiero rigido potesse essere migliorato nei ratti quando veniva somministrata psilocibina. Dopo la psilocibina, i ratti hanno guadagnato peso e hanno avuto un pensiero più flessibile (usando un compito di apprendimento inverso).

Questi cambiamenti positivi erano legati al sistema del neurotrasmettitore della serotonina, che regola l’umore, il comportamento e la sazietà (sensazione di sazietà).

Studi di imaging cerebrale sugli esseri umani mostrano disturbi della serotonina nelle persone con anoressia. La psicoterapia assistita da psilocibina si sta dimostrando promettente nel modificare i disturbi della serotonina e l’inflessibilità cognitiva che hanno dimostrato di essere problematici nell’anoressia.
La ricerca sugli animali può fornire informazioni uniche sul cervello che a volte non possono essere studiate negli esseri umani viventi. Ma i modelli animali non potranno mai imitare veramente il comportamento umano e la natura complessa delle condizioni croniche di salute mentale.

Qual è il futuro della ricerca?
Sono assolutamente necessari ulteriori studi clinici sugli esseri umani – e sono in corso da parte di un gruppo di ricerca dell’Università di Sydney e a Swinburne.

Il nostro studio comporterà una dose iniziale di 5 mg seguita da due dosi successive di 25 mg, a diverse settimane di distanza. Una dose iniziale bassa mira ad aiutare i partecipanti a prepararsi per quella che probabilmente sarà un’esperienza nuova e alquanto imprevedibile.

Il nostro studio esaminerà l’utilità di fornire una psicoterapia che affronti direttamente i disturbi dell’immagine corporea. Stiamo anche indagando se includere un familiare o un amico intimo nel trattamento aumenti il ??sostegno per la persona amata.
I dati relativi ad altre condizioni di salute mentale hanno suggerito che non tutti vedono benefici, con alcune persone che hanno avuto brutti viaggi e un deterioramento della loro salute mentale. Quindi questo trattamento non sarà per tutti. È importante capire chi ha maggiori probabilità di rispondere e in quali condizioni.

Nuovi studi e quelli in corso saranno fondamentali per comprendere se la psicoterapia assistita da psilocibina sia un trattamento sicuro ed efficace per l’anoressia e le condizioni ottimali per migliorare la risposta del paziente. Ma siamo ancora lontani dal vedere questo trattamento in clinica. Uno dei grandi problemi è il costo di questo intervento e come sarà finanziato.

(Susan Rossell - Director Clinical Trials and Professor Cognitive Neuropsychiatry Centre for Mental Health and Brain Sciences, Swinburne University of Technology -, Claire Finkelstein - Clinical Psychologist and PhD candidate, Swinburne University of Technology -, si The Conversation del 27/05/2024)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS