testata ADUC
Il Regno del Lesotho, pioniere africano della cannabis medica
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
8 settembre 2019 19:22
 
 Sulle alture della città di Marakabei, nel Lesotho, sorgono enormi serre, fuori dalla vista. L’azienda Medigrow ne ha già costruito diciotto. All'interno né frutta né verdura, ma centinaia di metri di piante di cannabis.
"Abbiamo tre filari, ognuno con 1.200 impianti e 3600 sull'intera infrastruttura", afferma Albert Theron, responsabile della produzione.
La cannabis che cresce in queste serre è legale e adeguatamente regolamentata.
Due anni fa, il Lesotho, un piccolo regno di 2,1 milioni di persone nel cuore del Sudafrica, ha deciso di scommettere su questo nuovo Eldorado diventando il primo Paese africano a consentire la coltivazione di cannabis medica.
Per legge, i suoi semi sono ampiamente purificati: la cannabis medica non può contenere più dello 0,03% di tetraidrocannabinolo (THC), l'agente psicoattivo della cannabis; contiene quasi esclusivamente cannabidiolo (CBD), una sostanza non psicoattiva.

Con sede in Lesotho, Medigrow ha investito 17,4 milioni di euro nel suo sito intorno alla capitale Maseru e sta attualmente costruendo un eliporto per trasportare il suo "oro verde" più velocemente e in modo più sicuro, dice il suo capo delle operazioni, Relebohile Liphoto.
Un investimento significativo, in linea con le prospettive di sviluppo del mercato della cannabis per uso medico, che sono colossali. Oggi stimato in 150 miliardi di dollari, potrebbe raggiungere nel 2028 i 272 miliardi di dollari, stima la banca Barclays.
"Attualmente disponiamo di quasi 2.000 chilogrammi di biomassa e produrremo oltre 1.000 litri di olio di CBD", afferma Liphoto della sua attività in Lesotho. "A seconda dello stato del mercato, puoi vendere un litro di olio di cannabis tra $ 6.000 e $ 21.000".

Priorità agli stranieri
"Questa è un'enorme opportunità per il Paese", ha dichiarato alla genzia France Press - AFP il vice-ministro della Sanità Manthabiseng Phohleli.
Il Lesotho, con ampia disoccupazione, un'epidemia di AIDS che colpisce il 23% della sua popolazione, con una palese mancanza di servizi pubblici, è tra i Paesi più poveri del mondo, al 159mo posto su 189 nelle statistiche sullo sviluppo dei diritti umani.
Autorizzare la coltivazione della cannabis medica "attira gli investitori" in Lesotho, dice con soddisfazione Phohleli, che sottolinea che "una dozzina di aziende stanno già lavorando sul territorio".
Coltivare questo oro verde ha un prezzo: una licenza annuale di 30.000 euro da pagare allo Stato, rinnovabile ogni anno. Questa somma, che è enorme per le imprese del Paese di fronte alla sua fragile economia, ha finora permesso alle società straniere, in particolare canadesi e statunitensi, di dominare il mercato.

Gli agricoltori locali, di conseguenza, sono in gran parte esclusi da questo mercato.
Mothiba Thamae, 38 anni, coltiva mele, pesche e uva sui suoi 7,5 ettari da oltre 20 anni e avrebbe gradito poter impegnarsi anche in questa manna. "Pensavamo di poter entrare nella coltivazione della cannabis quando è stata legalizzata, ma le licenze sono troppo costose per noi", afferma.
Una frustrazione. "Si sperava che il governo avrebbe dato l'opportunità ai piccoli agricoltori Basotho (il gruppo etnico locale) di coltivarla legalmente." Ma questo, sfortunatamente, non è accaduto.

Il piccolo Paese dell'Africa meridionale è soprannominato "il Regno dei Cieli" perché è l'unico al mondo la cui terra si trova a oltre 1.400 metri sul livello del mare.
Gode del sole che splende durante tutto l'anno e di una terra fertile, condizioni ideali per coltivare cannabis.
Nelle campagne, gli abitanti non hanno aspettato la legalizzazione: hanno coltivato per secoli il "matekoane", cannabis in lingua Sesotho.
"Le prime informazioni storiche sulla presenza di matekoane risalgono al XVI secolo”, secondo il ricercatore Laurent Laniel, dell'European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction (EMCDDA). "La tribù dei Koena si sarebbe stabilita in Lesotho intorno al 1550 acquistando terreni per coltivarci marijuana".

Ancora oggi, questa coltura fornisce una grande quota del reddito di molti piccoli agricoltori.
Shasha possiede una piantagione di mais nel centro del Paese. Tra le spighe, coltiva la cannabis illegalmente da circa venti anni. "Le piante servono a mantenere la mia famiglia, i soldi della cannabis sono un vantaggio, mi permettono di sopravvivere, di pagare la scuola ai miei figli", dice l'agricoltore, che chiede di restare anonimo. Può contare su molti contrabbandieri per vendere i suoi beni. Jama è uno di questi. "Ogni mese posso vendere fino a 80 chili dall'altra parte del confine con il Sudafrica, e sono soddisfatto di farlo", mi porta tra i 400 e i 500 euro.
L'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) stima che il 70% della cannabis in Sudafrica provenga dalle montagne del "Regno dei cieli" dove "la marijuana è la terza fonte di reddito”.

(articolo della ATS - Agence Télégraphique Suisse, pubblicato il 08/09/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori