testata ADUC
Le smart tv inviano i vostri dati personali a Netflix, Facebook e Amazon
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
20 settembre 2019 0:52
 
 Un gruppo di ricercatori della Northeastern University di Boston e dell'Imperial College di Londra hanno appena pubblicato uno studio sulla condivisione delle informazioni e sugli oggetti connessi. 
La privacy sta diventando sempre più il centro delle discussioni sui dispositivi connessi, ma i ricercatori hanno scoperto che si stanno ancora condividendo molti dati con aziende di terze parti.
I ricercatori hanno analizzato i dati scambiati da 81 oggetti collegati, inclusi televisori, altoparlanti, videocamere di sorveglianza o sistemi di allarme e persino frigoriferi e lampadine. I risultati sono edificanti! La maggior parte di questi dispositivi si collega a server su Amazon, Google o Facebook, ma anche a società meno conosciute come nuri.net (un ISP coreano) o tuyaus.com (un fornitore IoT cinese).

Tutti i televisori collegati contattano Netflix
I dispositivi spesso inviano i dati della posizione fin dall'inizio, comunicando così le abitudini di utilizzo con i giganti del web ma anche con agenzie pubblicitarie o società specializzate nel tracciamento degli utenti di Internet.
David Choffnes, uno dei ricercatori, ha affermato che dispositivi schermati, come televisori e frigoriferi collegati, raccolgono e condividono più dati. "Quasi tutte le TV nei nostri test hanno contattato Netflix, anche se non abbiamo mai installato una TV con un account Netflix. L'unica cosa positiva è che un numero crescente di dispositivi ha adottato la crittografia, migliorando la sicurezza, ma rende impossibile sapere esattamente quali dati vengono scambiati.

(articolo di Fabrice Auclert pubblicato su Futura-Tech del 19/09/2019)
 
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori