testata ADUC
Agricoltura Biodinamica. Lettera di risposta a un amico 'biodinamico'
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
4 giugno 2021 8:36
 
Carissimo,
elenco i "complimenti" che mi hai fatto nella tua replica a un mio post sulla Agricoltura Biodinamica: caduta di stile e metodo, un post stupido, cicaleggio, sentito dire, dimenticato il dibattito sulla scienza e conoscenza, superficialità modaiola ed estetica dentro dinamiche di potere, ecc.
 
Per conoscenza e memoria:

a) Non sono un teosofo, ma un biologo.
b) Sono stato per anni segretario della Associazione Radicale Ecologista, che tu conosci, che ha proposto, e realizzato, iniziative per la tutela dell'ambiente (acqua, aria, suolo, fauna, energia, ecc.): una per tutte, la campagna per la protezione della fascia di Ozono, che ha portato alla eliminazione dei CFC dal mercato europeo.
c) Forse ricorderai che, quando ero consigliere regionale, ho proposto, e la Regione Lazio ha approvato, la legge sulla Agricoltura Biologica (anno 1989, 32 anni fa!), anticipando di anni i regolamenti europei e di decenni quella nazionale oggi in discussione in Parlamento. Ti evito l'elenco delle iniziative e delle proposte da me presentate, e approvate, relative alla protezione e valorizzazione ambientale.
d)  Sono segretario nazionale dell'Aduc, l'Associazione per i diritti degli utenti e consumatori. Il sito www.aduc.it riporta le iniziative dell'associazione.

L'Agricoltura Biodinamica segue, anche, le regole dell'Agricoltura Biologica (della quale sono un promotore ante litteram), ma ha pratiche colturali, di cui all'elenco steineriano, che ho ricordato nel post e che tu non hai smentito.
Sono metodi praticati o no?

Vediamo alcune pratiche biodinamiche e le relative motivazioni.

1) Il Cornoletame, ovvero preparato 500 (corno di vacca primipara, riempita di letame, sotterrato, diluito e distribuito nel terreno). 200  grammi per ettaro.
La vacca ha le corna al fine di inviare dentro di sé le forze formative ETERICO-ASTRALI, quindi, durante l'inverno l'energia ASTRALE si concentra nel letame lasciato nel corno sepolto e, dopo la diluizione, si spruzza il liquido sulla terra, così che le forze ASTRALI si ricongiungano con quelle terrene. Processa  nel terreno e sull'apparato radicale le forze dei pianeti sottosolari (Luna, Mercurio e Venere).
Ora, visto che citi Galilei, mi dimostri come le "forze ASTRALI si ricongiungano a quelle terrene", ammesso che le corna abbiano le forze ETERICO-ASTRALI?
2) Cornosilice, ovvero preparato 501 (corno di vacca, silice, acqua).
Il Cornosilice viene sepolto in primavera e dissotterrato in autunno. La silice processa la transustanziazione della luce in materia fisica e collega e processa le foglie della pianta e il frutto con le azioni dei pianeti esterni, Marte, Giove e Saturno (pianeti soprasolari), veicolando le FORZE FORMATIVE di luce e di calore.
Ora, visto che citi Galilei, mi dimostri come la silice processa la transustanziazione della luce e la collega alla pianta con le azioni dei pianeti?
3) Preparato 502 (vescica di cervo e fiori). 15 grammi per ettaro.
Il 502 prevede l'uso di fiori di Achillea, fermentati in una vescica di cervo. Si prendono una o due manciate di fiori di achillea, si pressa dentro la vescica di un cervo e la si cuce. Si appende per tutta l'estate in un luogo esposto alla luce del sole. Quando arriva l'autunno si sotterra e si riesuma in primavera. Si aggiunge al cumulo di letame che può anche essere grande come una casa,[?] perché la potenza RADIANTE è talmente forte che non è neanche necessario mescolarlo, e influenzerà l'intera massa di letame. L'achillea è legata ai processi dello zolfo, a Venere ed ai segni zodiacali di Toro e Bilancia. In questo modo si vivifica la terra per captare le sostanze che fluiscono dal cosmo.
Ora, visto che citi Galilei, mi dimostri come la forza RADIANTE della vescica di cervo, riempita di fiori, si trasmette a un cumulo di letame e, quindi, alla terra per captare le sostanze che fluiscono dal cosmo, ammesso che la vescica abbia la forza RADIANTE?
Potrei continuare. Mi fermo.

Come sai, gli obiettivi dell'Agricoltura Biologica sono: uso dell'energia e delle risorse naturali in modo responsabile, mantenimento della biodiversità, conservazione degli equilibri biologici regionali, miglioramento della fertilità del terreno e mantenimento della qualità delle acque.
L'Agricoltura Biologica si basa su canoni misurabili, anche per la qualità dei prodotti (polifenoli, acidi grassi, vitamine), il che non è possibile per le pratiche biodinamiche sopracitate, le quali non sono misurabili né riproducibili e alle quali non può essere applicato il metodo scientifico, o sperimentale, che porta alla conoscenza della realtà, oggettiva, affidabile e verificabile.
A che cosa serve, dunque, aggiungere ai metodi colturali della Agricoltura Biologica le forze ETERICO-ASTRALI delle corna, connesse ai pianeti, le FORZE FORMATIVE della silice, connesse ai  pianeti, o l'energia RADIANTE della vescica di cervo, sempre connessa ai pianeti?
Poi ti meravigli che cito l'astrologia.

Ora, il Senato della Repubblica ha approvato una testo di legge sulla Agricoltura Biologica nella quale è stata inserita l'equiparazione con l'Agricoltura Biodinamica. Il testo è stato trasmesso alla Camera dei Deputati. Sono previsti contributi pubblici, cioè del contribuente, per l'Agricoltura Biodinamica, cioè per le pratiche agricola sopraelencate, basate su influenze astrali.

Infine, come sai, la parola "biodinamico" è un marchio di proprietà di una multinazionale chiamata Demeter, che certifica la biodinamicità di una azienda agricola, ma non è una certificazione ufficiale regolamentata a livello europeo come quella del biologico.
Non so se la certificazione di  "biodinamicita" della Demeter abbia dei costi, diretti o indiretti, ma di questo chiedo a te che, se non erro, sei un certificatore Demeter.

Buona giornata

Qui il precedente comunicato che ha prodotto la polemica, e relativo intervento dell'amico "biodinamico":
https://www.facebook.com/associazioneaduc/posts/4304412809590180
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori