testata ADUC
Energia e mercato libero. Furti in casa. Aduc a Mi Manda Rai Tre mercoledì 16 ottobre dalle ore 10
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Redazione
15 ottobre 2019 10:07
 
 Sembra che dal prossimo 1 luglio dovrebbe esserci per l’energia solo il mercato libero. Sembra. Visto che le proroghe di questa scadenza sono tema ricorrente negli ultimi anni. Vedremo. Ma in molti se ne sono già accorti, non solo perché usufruiscono di un servizio del mercato libero, ma perché le offerte per scegliere un gestore piuttosto che un altro sono all’ordine del giorno. Non solo, ma se oggi si cerca di fare un contratto del mercato a maggior tutela, abitualmente si trova un muro e, alla fine, ci si riesce solo facendo intervenire l’Autorità Arera. Che vuol dire? Che i gestori hanno già capito che il mercato libero è per loro una buona opportunità… e fin qui ne saremmo lieti anche noi, visto che abitualmente mercato significa maggiori qualità e costi più bassi … ma il tutto, purtroppo, deve essere condito con la tipica salsa italiana del processo di liberalizzazione: appena ti muovi ti frego! E non siamo neanche estremisti nel sostenerlo, visto che anche le indagini dell’Autorità, al momento, ci indicano che i costi al consumatore sono più bassi nel mercato tutelato che non in quello libero. E visto che spesso le condizioni contrattuali di primo ingresso in un rapporto contrattuale subiscono “magicamente” rialzi e costi che al momento della promozione non erano stati minimamente accettati. Detto questo si dovrebbe dire: allora siamo sommersi dal contenzioso consumatori/gestori? No, perché gli importi che quasi sempre vengono letteralmente rubati sono minimali, percettibili agli esperti che riescono a districarsi nella lettura delle bollette, e l’avvio del contenzioso, per quanto quasi gratuito lo stesso sia, comporta una serie di impegni di tempo e di costi che fanno scoraggiare chiunque. Questo i gestori lo sanno e ci marciano. Una marcia verso la totale abolizione del mercato a maggior tutela, marcia che è partita male da alcuni anni e che, visto che non è possibile nel breve periodo impedire che i gestori siano delinquenti nel DNA, solo l’Autorità potrebbe rendere meno arrogante e invasiva, con provvedimenti che non fossero solo multe e multone, ma che colpissero al cuore di questo DNA i delinquentelli vari. E’ bene ricordare che (sempre al momento), per chi è ancora nel mercato a maggior tutela e alla scadenza di questo mercato non avesse fatto una scelta di uno specifico gestore, la divisione del “bottino” verrà fatta mediante delle specie di assegnazioni d’ufficio che hanno chiamato “asta”.

Per capire questa dinamica e prender atto di come già oggi è la situazione in questo mercato drogato, mercoledì 16 ottobre, dalle ore 10, se ne parlerà alla trasmissione Mi Manda Rai Tre. Condotta in studio da Salvo Sottile, per Aduc ci sarà l’avv. Laura Cecchini.

Nella seconda parte della trasmissione ci si occuperà dei furti in casa: denunce, accorgimenti, assicurazioni, contenziosi, consigli.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori