testata ADUC
Governo. La vergogna del condono edilizio per Ischia
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
14 novembre 2018 11:49
 
 La prima domanda che ci poniamo è cosa c'entra un provvedimento legislativo che riguarda Genova, dopo il tragico evento del crollo del ponte Morandi, con il condono edilizio, che mediaticamente fa riferimento ad Ischia, isola i cui abusi edilizi sono ampiamente diffusi.

La seconda domanda che ci poniamo, è il motivo per cui il testo del decreto legge, approvato del Consiglio dei Ministri, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, che prevede un analogo condono a quello devastante del 1985, non sia riportato integralmente nel blog del M5S. Forse si vergognano. Abbiamo presentato degli emendamenti, dichiarano esponenti del M5S. Vero, ma gli emendamenti devono essere approvati dal Parlamento, nel frattempo rimane in vigore il decreto, con i suoi effetti. 

Nel dibattito sull'argomento si inserisce la proposta di limitazione del condono, e quindi di riduzione dell'abusivismo edilizio, della senatrice di Forza italia, Urania Papatheu. La proposta è sostenuta da due senatori del M5S. Di Maio dichiara che il sostegno dei senatori pentastellati all'emendamento forzista è un fatto "gravissimo". Dunque, limitare gli abusi è un fatto "gravissimo".

La terza domanda, infine, che ci poniamo riguarda le intenzioni del M5S sulla tutela ambientale. Vuole chiamare il condono edilizio pace edilizia, come quello fiscale?
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori