testata ADUC
 USA - USA - Legalizzazione cannabis. Bocciato progetto di legge in New Mexico
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
15 febbraio 2020 12:31
 
Il tentativo del New Mexico di diventare il 12mo Stato degli Usa a legalizzare l'uso ricreativo della marijuana è crollato bruscamente dopo che i senatori statali, in una legislatura dominata dai democratici, hanno respinto un disegno di legge che avrebbe consentito il permesso di vendita in tutte le città e paesi dello Stato. Mercoledì 13 febbraio, in una votazione della commissione a tarda notte, due senatori democratici si sono uniti ai repubblicani con un voto di 6-4 per fermare il disegno di legge sulla legalizzazione che avrebbe anche cancellato le limitazioni sulla marijuana e l'attuale programma statale di cannabis medica con agevolazioni fiscali e sussidi ai pazienti.
Si tratta del secondo fallimento da parte dei sostenitori della legalizzazione da quando i democratici hanno un governatore, avendolo strappato ai repubblicani che lo detenevano nel 2018 ed hanno anche ampliato la loro maggioranza legislativa.
Il voto ha respinto un disegno di legge nato da un anno di di discussioni e preparativi per la legalizzazione da parte del Governatore Michelle Lujan Grisham, ed ha evidenziato le difficoltà di utilizzare il processo legislativo per legalizzare pienamente la marijuana.
Trentatre Stati e Washington, D.C., hanno legalizzato la cannabis per uso medico o ricreativo. Il Michigan e l'Illinois sono gli 11 Stati dove più di recente sono state approvate le vendite ricreative, ma solo l'Illinois e il Vermont l’hanno legalizzato attraverso i propri parlamenti. Le altre legalizzazioni statali sono stato frutto di referendum, che il New Mexico invece consente solo per modifiche alla costituzione dello Stato.
Il Governatore Lujan Grisham ha sposato la causa della legalizzazione nell’ambito di un imegno della sua amministrazione per attrarre e avviare nuove industrie, in uno Stato con una forte dipendenza economica dalla produzione di petrolio, con cicli di boom e frenate. All'inizio dell'anno scorso, aveva affidato la preparazione del progetto di legge ad un suo fidato alleato, il consigliere comunale di Albuquerque, Pat Davis, che con una task force viaggiante aveva scrupolosamente preparato un quadro normativo per rispondere alle preoccupazioni in merito alla cannabis ricreativa e alla guida sotto i suoi ffetti, alla sicurezza sul lavoro e ai metodi per negarne l'accesso ai giovani. Ma il lavoro della task force non è stato in grado di far fronte l'opposizione in alcune parti dello Stato. Il presidente della commissione giudiziaria, il democratico Joseph Cervantes, si è opposto alle disposizioni in materia di licenze per le imprese di marijuana chè richiedevano un accordo con i sindacati dei lavoratori e la concessione di licenze commerciali a persone con precedenti condanne di droga tra cui reati quelli di distribuzione. Il senatore repubblicano Ron Griggs ha affermato che c'erano critiche sul fatto che in alcune contee e città che avrebbero dovuto concedere la vendita di marijuana ricreativa, vigeva, fino allo scorso anno, il divieto di vendita per gli alcolici. Secondo il deputato Paul Bandy, anch'egli repubblicano, nel suo distretto che confina con il Colorado e con la sua pionieristica economia n cui la cannabis ricreativa è legalizzata, vi era una significativa resistenza. “Penso che i progressisti si siano resi conto che probabilmente hanno esagerato in un anno elettorale'', ha detto.
Il disegno di legge del New Mexico prevedeva un'accisa statale del 9% sulle vendite di marijuana per finanziare l'applicazione della legge locale, l'educazione contro la guida sotto l'influenza di stupefacenti e il trattamento dell'abuso di sostanze. Una parte dei proventi delle accise derivanti dalle vendite di marijuana sarebbe stata destinata alla giustizia sociale, per aiutare le comunità colpite dalle droghe legali e, in particolare, dalle precedenti politiche federali sulle droghe. Molte convinzioni passate che non prevedevano il traffico sarebbero state automaticamente annullate. L'impossibilità di far avanzare il disegno di legge è arrivata dopo una misura bipartisan dell'anno scorso per le vendite di cannabis ricreativa nei negozi di proprietà statale, bloccata nonostante il sostegno di tre senatori statali repubblicani. Il disegno di legge di quest'anno prevedeva la vendita di marijuana nel settore privato, potendo quindi vendere cannabis medica in tutti i dispensari.
Il blocco del disegno di legge sulla legalizzazione ha messo in pausa i piani di Bob Rogers, insegnante in pensione e aspirante coltivatore di marijuana. Avrebbe voluto avviare una serra commerciale di marijuana nel suo ranch di 160 acri (65 ettari) vicino al confine con il Texas. Rogers coltiva già cannabis medica per il proprio consumo grazie ad una licenza di produzione personale statale per il trattamento del dolore cronico diagnosticato ad una gamba ferita. Aveva sperato di attirare uno o entrambi i suoi figli adulti nel New Mexico da New York e California per aiutarlo a gestire l'azienda. ”Sono orgoglioso di essere qui e non vedo l'ora di crescere erba se lo Stato ci darà mai la possibilità''.
Nonostante il voto contro il disegno di legge e quasi nessuna possibilità che venga ripreso durante l'attuale sessione legislativa, il governatore Lujan Grisham ha dichiarato che “la cannabis ricreativa legalizzata nel New Mexico è inevitabile”. “La gente del New Mexico ha detto che la vuole. Un'economia statale diversificata lo richiede''.
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori