testata ADUC
Che succede dove la marijuana è legale? Dal punto di vista del Messico...
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
19 gennaio 2020 17:28
 
 Cinque anni dopo la legalizzazione dell'uso ricreativo della marijuana, uno dei principali problemi che l'Uruguay deve affrontare è convincere i consumatori ad entrare nel mercato legale.
Secondo gli ultimi dati dell'Istituto per la regolamentazione e il controllo della cannabis (IRCC), aggiornati al 12 gennaio 2020, poco più di 50 mila persone si sono registrate come consumatori per ottenere licenze per acquistare marijuana in farmacie specializzate, coltivare la pianta a casa o aderire ad uno dei 145 club di cannabis esistenti nel Paese.
In totale, 51 mila 323 consumatori sono stati catalogati in una delle tre modalità, solo un quarto dei circa 200 mila consumatori di marijuana che si stima esistano in Uruguay, secondo le ultime informazioni disponibili dai sondaggi sull'uso di droghe.
L'Uruguay è probabilmente il modello più centralizzato e moderato di quelli esistenti sulla legalizzazione della cannabis per uso ricreativo.
"È stato un processo lento e ci è voluto molto lavoro per spostare nel mercato legale le persone che già utilizzavano marijuana", afferma Tania Ramírez, direttore della politica sulle droghe di “México Unido contra la Delincuencia” (MUCD).
In questo senso, afferma Ramírez, una delle esperienze che potrebbero essere utili in Messico è identificare quali incentivi sono efficaci per i consumatori per entrare nel mercato legale.
Ad esempio, i consumatori potrebbero essere più riluttanti, a causa della sfiducia nei confronti di questi metodi, ad integrarsi nella legge se si chiede loro di iscriversi in un registro, spiega Ramírez.
Per quanto riguarda gli effetti sulla criminalità che la legalizzazione ha avuto nel Paese sudamericano, ci sono prove solide, ma ciò che è stato rilevato è che non sono comparsi più gruppi criminali o bande, sebbene gli effetti a lungo termine rimangano visibili.

Canada: attenti alle aspettative
Sebbene in Canada la marijuana per uso medicinale sia legale da decenni, la regolamentazione dell’erba per uso ricreativo è stata approvata solo da un anno e i suoi effetti sono ancora da valutare in vari campi.
Forse una delle lezioni che si potrebbero trarre per il Messico è quella di non crearsi troppe aspettative in termini di mercato che genera un boom economico.
Un anno fa, le immagini di file di chilometri di persone al di fuori dei dispensari di cannabis hanno suscitato grandi aspettative circa la crescita esplosiva del mercato, ma, un anno dopo l'entrata in vigore della nuova legislazione, le azioni delle sei più importanti società produttrici di marijuana nel Paese sono scese del 50 percento.
C'è stato un crollo, in parte perché il mercato nero continua ad avere una presenza enorme nel Paese.
Tasse e limitazioni in termini di pubblicità, distribuzione, controlli di qualità, misure di vigilanza da parte delle autorità, tra gli altri fattori, hanno complicato i progressi delle società legalmente abilitate che avrebbero le credenziali per poter competere con il mercato nero.
Il Canada ha optato per un modello di progressi graduali nel processo di legalizzazione. Ad esempio, solo dopo il secondo anno della riforma, sarà consentita la vendita di prodotti edibili con THC, la sostanza psicoattiva della cannabis.
È un modello molto più cauto, ad esempio, di quello adottato in California o in Colorado, e questo forse questo spiega la caduta delle azioni delle società.
La domanda, come in Uruguay, è come portare le persone che si trovano in un mercato illegale in un mercato legale, senza incoraggiare quel mercato a crescere.
Un altro aspetto del modello canadese, da cui il Messico potrebbe prendere atto, è che ha lasciato alle province molte delle decisioni su come funzionerà la legalizzazione e i governi locali stanno prendendo decisioni su come adattarsi a questa nuova realtà in base alle proprie esigenze e condizioni.

Colorado: una collezione di successi
Il modello del Colorado è probabilmente agli antipodi dell'Uruguay. È uno schema più aperto che consente, ad esempio, la promozione o la pubblicità e una varietà di prodotti a base di cannabis che non sono contemplati da leggi come quelle del Paese sudamericano o del Canada.
Non si tratta tuttavia di un regime completamente aperto e il regolamento include aspetti della sanità pubblica.
Questo modello ha avuto un discreto successo soprattutto nell'aumentare la raccolta fiscale da parte delle autorità locali, spiega Tania Ramírez del MUCD. "Una delle principali motivazioni del Colorado era proprio la necessità di generare introiti fiscali, la motivazione principale era quella di ottenere tasse da questo settore e pensare all'industria della cannabis come un'industria in crescita che potrebbe avere questo potenziale a beneficio della fiscalità dello Stato, e cos’ è accaduto", dice.
Molte aziende piccole o innovative sono entrate con successo nel mercato della cannabis anche se ci sono restrizioni legali per accedere ai fondi delle banche a livello federale.
Negli Stati Uniti, la legge impedisce alle banche federali di operare con fondi dalla vendita di cannabis perché è in vigore il divieto federale in materia di droga, ma gli uomini d'affari del Colorado del settore sono riusciti a superare gli ostacoli e ad andare avanti.
Il Colorado ha ottenuto oltre 1,2 miliardi di dollari di tasse dal mercato della cannabis, secondo i dati ufficiali dello Stato. Nel 2019, sono stati ottenuti oltre 300 milioni di dollari dalle vendite di licenze e altre tasse.
Le autorità del Colorado hanno investito parte di queste entrate nel miglioramento delle attrezzature e delle infrastrutture scolastiche.
Forse una delle lezioni dell'esperienza del Colorado è che la regolamentazione del mercato della cannabis ha giovato all'industria privata, ma anche alla società nel suo insieme.

California: affari da miliardari
La California è diventata la Mecca del consumo ricreativo di marijuana l'anno scorso. Le agenzie specializzate stimano che, solo in quello Stato dell'Unione americana, il mercato abbia fruttato guadagni nel 2019 per oltre 3 miliardi di dollari. E le previsioni indicano che il mercato continuerà a crescere nei prossimi quattro anni fino a raggiungere i 7 miliardi di dollari nel 2024.
Ma forse uno degli insegnamenti che potrebbero essere presi in considerazione in Messico è che, al di là dell'ascesa delle grandi aziende e del fervore commerciale, lo Stato ha fatto sforzi per non emarginare piccoli imprenditori o produttori che potrebbero essere stati vittime in passato del regime proibizionista.
A causa delle sue condizioni geografiche, lo Stato, a differenza del Canada o persino del Colorado, è favorevole alla semina e alla coltivazione della marijuana. E in effetti ci sono dozzine di piccoli produttori.
La sfida è come includere questi piccoli coltivatori o cooperative nel mercato attuale senza che le grandi aziende li divorino, spiega Tania Ramírez.
"La California sta andando molto bene. Sta cercando di far fruttare questo principio di inclusione di piccoli partecipanti al mercato. Può farlo attraverso diversi canali o stabilendo un sistema di licenze riservato a tali produttori attraverso incentivi economici", dice la specialista del MUCD.
"La California è in grado di muoversi in questo modo perché non ha dimenticato di essere stato anche uno degli Stati in cui persone e popolazioni specifiche sono state criminalizzate per consumo e possesso della droga quando era illegale.

(articolo di Dulce Soto, pubblicato su Reforma.com del 18/01/2020)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori