testata ADUC
Cocaina: il calo dei prezzi del caffè costringe i contadini del Perù a coltivare coca
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 febbraio 2021 10:51
 
Un crollo dei prezzi mondiali del caffè ha spinto gli agricoltori della giungla centrale del Perù a sradicare le loro piante e sostituirle con foglie di coca, la materia prima utilizzata nella cocaina. Questa tendenza a livello nazionale ha portato la produzione di foglie di coca a quasi 55.000 ettari o fino a 500 tonnellate di cocaina all'anno, abbastanza da soddisfare la domanda annuale negli Stati Uniti tre volte. Poiché le rotte del traffico di droga si sono ridotte a causa dei blocchi del COVID-19, il prezzo della foglia di coca è precipitato a metà dei suoi livelli precedenti. Sebbene si sia lentamente ripreso, ha chiuso il 2020 col 23% in meno rispetto all'anno precedente.
Ma anche così, la coca offre agli agricoltori poveri più sicurezza di qualsiasi altra coltura poiché la domanda è costante.

La nostra ricerca è un'analisi comparativa del commercio di coca e cocaina in Perù e Bolivia. L'obiettivo è stimolare dibattiti produttivi e promuovere la cooperazione collegando agricoltori, responsabili politici, sostenitori e studiosi in entrambi i paesi. Abbiamo trascorso mesi vivendo e lavorando nelle regioni produttrici di coca, intervistando gli agricoltori e parlando con loro di come coltivano e commercializzano i loro raccolti, oltre a parlare con i leader dei sindacati agricoli e i funzionari locali.
Yusbel Almonacid Santos, un agricoltore della città di Satipo, nella giungla centrale del Perù, ha ricordato il periodo d'oro del caffè. "La gente era entusiasta del caffè", ci ha detto. "Era il fagiolo d'oro." Dieci anni fa, il prezzo del caffè era alto, con un chilo venduto fino a 2,70 dollari.
Ma nel 2010 la ruggine delle foglie di caffè si è moltiplicata in tutta la giungla centrale e ha distrutto le piantagioni. La Banca Agraria statale è intervenuta, offrendo prestiti per aiutare gli agricoltori a ripiantare, ma subito dopo il prezzo è sceso a 0,60 dollari.

Povertà del caffè
La coltivazione del caffè richiede agli agricoltori di coltivare le piante sui pendii ripidi delle montagne tutto l'anno. Una volta l'anno, contrattano squadre di operai per portare il raccolto che poi deve essere sbucciato ed essiccato. Ogni anno i commercianti richiedono una qualità sempre superiore e più caffè registrato biologico, il che aumenta i costi per l'agricoltore. "Il caffè crea più lavoro che profitto", si è lamentato Almonacid. "Se il prezzo è di sole 5 soles (1,40 dollari al chilo) - è appena sufficiente per pagare le persone che lo raccolgono, ma per l'agricoltore non rimane nulla", ci ha detto Marianne Zavala, leader sindacale degli agricoltori locali. “La raccolta del caffè può effettivamente lasciarti in debito. L'anno scorso molte persone non si sono nemmeno preoccupate di raccogliere."
Altre colture hanno un prezzo così basso da non essere redditizie. "Abbiamo chiesto prestiti alla banca per piantare un ettaro di banane", spiega Marisol Díaz, una giovane madre. “Quando erano pronte, il loro prezzo era sceso a 0,40 dollari. Come si guadagnano soldi a quel prezzo? Ora siamo in debito con la banca - siamo preoccupati che mandino in giro gli esattori".
Lontano dalle principali città del Perù, gli alti livelli di povertà sono endemici.
Le case sono costruite con assi di legno grezzo con pavimenti di fango battuto e molte non hanno accesso ad elettricità, servizi igienici o acqua corrente. La malnutrizione e l'anemia sono comuni, soprattutto tra i bambini. "Guarda cosa mangiano i miei figli - solo zuppa, non posso permettermi niente di meglio di quello", ha detto il coltivatore di caffè Alejandro Cortez, indicando lo stomaco gonfio dei suoi figli.

La foglia di coca è diventata un'ancora di salvezza per questi agricoltori. Presenta vantaggi significativi come coltura da reddito, che cresce come un'erbaccia su pendii ripidi, in terreni acidi e ad altitudini più elevate. La coca raggiunge la maturità dopo appena un anno e il suo ciclo di raccolta di tre o quattro mesi fornisce alle famiglie un reddito regolare.
È anche leggera, importante perché molti agricoltori devono portare i loro prodotti nei mercati sulle spalle. Ma, cosa più critica, c'è sempre un mercato. La coca in sacchi da 25 kg oscilla tra i 30 e i 70 dollari, mentre il caffè costa in media 37 dollari ed ha un solo raccolto all'anno. “Quando la ruggine del caffè ha ucciso le nostre piante, le persone con un po' di coca sono sopravvissute. Gli altri hanno dovuto abbandonare la loro terra", ha detto Zavala. "La coca era come un piccolo conto di risparmio."

Più di un semplice raccolto
La coca ha un ricco significato sociale, culturale e medicinale nelle culture andine indigene, che risale ai tempi precolombiani. Ma dagli anni '70 la coca è stata in gran parte coltivata per la cocaina. Delle 117.292 tonnellate di foglie di coca essiccate prodotte in Perù nel 2017, si stima che 106.401 tonnellate siano destinate al traffico di droga.
Nonostante la sua illegalità, gli agricoltori hanno pochi scrupoli morali a piantare coca. Zavala ha detto: "Non commettiamo peccato se piantiamo coca - chiunque acquisti cocaina, è invece colpevole".
Lo Stato peruviano, sostenuto e finanziato dagli Stati Uniti, ha risposto con la violenza alla recente espansione della coca: nell'aprile 2019 due coltivatori di coca sono stati uccisi dalle forze governative a San Gaban, un distretto rurale a circa 1500 km a sud-est della capitale Lima.
E molti altri sono rimasti feriti mentre difendevano le loro piantagioni. Di fronte alla povertà, l'eradicazione ha alienato gli agricoltori e spostato la coca in nuove regioni, inclusa Ucayali, che a sua volta ha esercitato pressioni sulle comunità indigene.

Nella piccola città di Paratushiali, nella giungla centrale del Perù, la gente del posto usa parole come "abbandonato", "trascurato" e "dimenticati" per descrivere la loro regione. Le strade sono impraticabili durante la stagione delle piogge, le infrastrutture per la sanità pubblica e l'istruzione sono scarse, ma più di ogni altra cosa gli agricoltori si sono lamentati della mancanza di assistenza da parte dello Stato per commercializzare i loro prodotti. "Non c'è preoccupazione per i piccoli coltivatori - lo Stato è più interessato a reprimere la coca", ci ha detto Rueben Leiva, un coltivatore di caffè diventata coca sulla metà degli anni '30.

DEVIDA (l'agenzia statale per lo sviluppo) dovrebbe aiutarci a sostituire la coca, ma spendono l'80% del loro budget in stipendi e automobili. Quando arriva a noi, tutto ciò che riceviamo è un sacco di fertilizzante e un machete - questo non è sviluppo", ha detto Almonacid. "Non ci fidiamo di loro, ci dividono: questo è il loro lavoro."

La mancanza di opportunità economiche, l'emarginazione e l'incuria dello Stato alimentano la produzione di colture di droga e il traffico di droga. L'eradicazione della coltivazione della droga da sola non è la risposta, lo Stato deve aiutare gli agricoltori a trovare alternative economiche realistiche alla coca.

(di Thomas Grisaffi - Lecturer in Human Geography, University of Reading – e Linda Farthing -
Visiting Fellow in Archaeology, Geography and Environmental Science, University of Reading – su The Conversation del 08/02/2021)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori