testata ADUC
Alitalia e la favola dei turisti dirottati in altri Paesi
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
15 gennaio 2014 13:19
 
 Se l'Alitalia diventera' di proprieta' straniera i turisti che vogliono visitare l'Italia verranno dirottati su altri Paesi. L'affermazione fu fatta da presidenti di Consiglio, presidenti di Regioni, presidenti di Province e Sindaci, soprattutto quando la compagnia Air France si offri' di acquistare il controllo dell'Alitalia. I turisti, si diceva, saranno dirottati a Parigi rendendo difficile la scelta del nostro Bel Paese. Il problema si e' riproposto nell'ipotesi di un fallimento dell'Alitalia o della acquisizione della "compagnia di bandiera" nostrana da parte della Ethiad Airways emiratina. Insomma, si e' sollecitato l'italico patriottismo per operazioni partitiche, elettorali o di tutela di interessi privati che nulla hanno a che vedere con i flussi turistici. Il fallimento delle compagnie aeree e l'acquisizione, o fusione, da parte di altre non ha portato a quei disastri paventati per il nostro Paese. In questi ultimi anni, alla perdita di passeggeri dell'Alitalia ha fatto riscontro un aumento di quello di altre compagnie, in particolare di quelle a basso costo. L'utente guarda alla convenienza, sia in termini di costo che di qualita' delle prestazioni. Se un vantaggio esiste non ha importanza che ci sia la "compagnia di bandiera" o quella estera. Speriamo che l'esperienza sia servita.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori