testata ADUC
Cannabis light e sentenza Cassazione. Continua la confusione..
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
11 luglio 2019 13:22
 
  "Cio' che occorre verificare - si spiega nella sentenza - non e' la percentuale di principio attivo contenuta della sostanza ceduta, bensi' l'idoneita' della medesima sostanza a produrre in concreto un effetto drogante". Questo il passaggio determinante delle motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione che a fine maggio scorso ha fissato i limiti della legge 242 del 2016, legge che ha aperto il mercato dei Cannabis shop. (1)
E quindi? Quindi nulla. Ogni storia è a sé stante. Non ci sono principi/limiti tecnici e scientifici oltre i quali nasce il lecito o si possa definire l’illecito. Dice un proverbio francese che ha scavalcato nei secoli i confini dell’Esagono: “Chacun pour soi et Dieu pour tous”, ognuno per sé e Dio per tutti. Che, nella fattispecie, è quanto di più inappropriato poteva essere generato da una Corte che è tra le massime giudicanti del nostro sistema giurisprudenziale. Sistema che in materia si dovrebbe confermare determinante, visto che le leggi in materia dicono tutto e il contrario dello stesso tutto… ma per l’appunto “si dovrebbe”, perché anche in questo caso la “alta giurisprudenza” rimanda al buon senso, alla clemenza, alla lettura preconcetta o meno, di ogni singolo giudice che dovrà essere chiamato in causa per calmare i pruriti proibizionisti di alcuni e/o le difese di altri da questi pruriti.
In mezzo a tutto questo ci sono i commercianti che hanno avviato la loro attività convinti di essere nel rispetto della legge e che oggi non li si può biasimare se stanno pensando di cambiare attività.
Due le possibilità concrete, che il legislatore che non vuole continuare a vessare i cittadini dovrebbe prendere: vietare ogni cosa, a qualunque livello (incluso quello terapeutico) abbia a che fare con la cannabis, oppure legalizzare con norme, disposizioni, procedure anche per il cosiddetto uso ricreativo.
Ma sembra che chiedere certezze sia un compito impossibile. Anche quando ci si rivolge ad una Corte come la Cassazione.

1 - https://www.aduc.it/notizia/cannabis+light+vendita+vietata+motivazioni+sentenza_135966.php
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori