testata ADUC
Governo. Next Generation Eu. La Francia presenta il suo piano, noi siamo all'elenco della spesa
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
17 settembre 2020 8:00
 
  Nel Governo molti pensano che Babbo Natale sia arrivato in anticipo, per cui si aspettano doni in abbondanza: circa 670 miliardi.
Il Next Generation EU (Recovery Fund) ha previsto per l'Italia 209 miliardi, una parte a credito l'altra a fondo perduto. Insomma, abbiamo chiesto tre volte tanto quanto stabilito in sede europea.

Ci sono richieste particolari, come il piazzale della Farnesina piezoelettrico per produrre elettricità con il passaggio delle automobili, presentato dal ministro Luigi Di Maio. Forse non si è accorto che per ottenere energia occorrerebbe il transito di 10 mila auto al giorno  a 80 km orari. Cosa impossibile.

Mentre il nostro Governo si diletta in proposte strampalate, il Governo francese ha pubblicato un dettagliato Piano di rilancio dell'economia per i prossimi anni, teso a modernizzare il sistema economico. Il piano prevede il ricorso alla Next Generation EU (Recovery Fund) per 40 miliardi, mentre lo Stato francese impegnerà 60 miliardi.
L'obiettivo è di "Costruire la Francia del 2030".

Che dire?

Che dopo le prediche antieuropee dei vari M5S, Lega e Fdi, ci troviamo di fronte alla più imponente operazione di sostegno economico europeo, superiore a quella del piano Marshall del dopoguerra.

Visto il Piano francese, suggeriamo al Governo italiano di prendere spunto, anzi di copiare il Piano dei nostri cugini d'oltralpe. Certo, il documento consta di 296 pagine, ma con un po' di sforzo intellettivo anche noi potremo presentare, in sede comunitaria, un Piano degno di questo nome.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori