testata ADUC
Carne di cani. Il festival cinese e i suoi avversari
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
16 giugno 2019 17:23
 
 Sebbene non verificabili, i dati che circolano danno un'idea della grandezza di questo "evento": 10.000 cani e 4.000 gatti sarebbero stati mangiati durante il festival Yulin (provincia di Guangxi, Cina meridionale). La maggior parte di loro sono animali randagi raccolti nelle strade. Le immagini che testimoniano il loro trattamento durante il trasporto, la vendita e l'uccisione sono difficili da sostenere: ammucchiati in gabbie improvvisate, trasbordati nelle peggiori condizioni, esposti alla fine di una trappola, vengono scottati vivi o uccisi a bastonate. Basti dire che devi avere un cuore di ferro per assistere a queste scene.

Testimonianze, video e report
Ma c'è niente di più per scoraggiare William Burkhardt, un attivista animalista di 30 anni che sta già facendo le valigie. "Il festival che si terrà dal 21 al 29 giugno a Yulin è probabilmente il più conosciuto ma altrove in Cina, in altri festival o mercati locali, altri cani vengono venduti e mangiati", dice. "Quindi girerò questi mercati e i macelli di cani e gatti ... se ce la farò."
Nell'ottobre 2018, William Burkhardt e il suo socio Léa hanno creato la filiale francese dell'associazione americana Direct Action Everywhere (DxE). Da allora, con una manciata di attivisti, hanno indagato sui bestiami, mettendo insieme testimonianze, video e relazioni. Durante la loro permanenza in Cina, intendono affidarsi all'assistenza logistica di persone e associazioni contrari al consumo di carne di cani e gatti. "Alcuni hanno persino creato santuari per gli animali che sono stati in grado di salvare", dice William Burkhardt, che esprime il desiderio di portare con sé un cane quando tornerà indietro. Un salvataggio simbolico che punta, secondo lui, a "risvegliare le coscienze qui in Francia, in modo che le persone possano tracciare un parallelo tra questo animale, che attira la compassione, e i milioni di animali uccisi nei nostri mattatoi".

"Nessuna politica veterinaria"
Il consumo di cani e gatti, tuttavia, non si estende all'intera Cina. "Si stima che ogni anno vengano consumati 10 milioni di animali, specialmente nel sud. La maggior parte della popolazione non li mangia, dice Michèle Jung, capo della sezione francese dell'associazione Animals Asia, con sede a Hong Kong. Tra i numerosi festival che celebrano questa tradizione, Yulin è stato creato nel 2009 dai commercianti locali per attirare turisti asiatici. Ma il vero problema è che in Cina non esiste una politica veterinaria, né l'identificazione degli animali né la sterilizzazione. Stiamo lavorando con alcuni parlamentari cinesi in modo che la questione degli animali sia presa in considerazione nella sua interezza".
Molte petizioni stanno circolando su Internet per mettere fine al festival di Yulin. Il 29 maggio, l'associazione Stéphane Lamart ha organizzato una manifestazione davanti all'ambasciata cinese a Parigi, dopo aver raccolto oltre 175.000 firme.

(articolo di Sarah Finger, pubblicato sul quotidiano Libération del 16/06/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori