testata ADUC
5G e virus. Avanti un’altra
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
8 luglio 2020 15:32
 
  Sembra che il virus del 5G si stia cominciando a diffondere, non solo presso i vari ideologizzati conservatori, ma anche tra coloro che, nel quadro politico/amministrativo del nostro Paese, dovrebbero rappresentare un certo equilibrio, e che per questo sono anche al governo nazionale.
Dopo il Sindaco di Reggio Calabria (1), altrettanto Sindaco dello stesso Partito (quello Democratico) di un Comune della provincia di Lucca, Altopascio, Sara D’Ambrosio, ha deciso di vietare sul proprio territorio qualunque installazione che abbia a che fare con la tecnologia 5G: “...Diffidiamo inoltre tutte le società di telefonia presenti con i loro impianti su tutto il territorio comunale ad eseguire qualsiasi tipo di attività sui siti che comporti la sostituzione o la modifica di quanto presente e insistente al fine di installare tecnologie 5G. Vogliamo approfondire la portata di queste reti, sulle quali si è innescato, a livello internazionale, europeo e nazionale, un moto di denunce, perplessità e preoccupazioni per i possibili effetti dannosi sulla salute della nuova tecnologia 5G, proveniente non solo da cittadini e associazioni, ma anche dal mondo scientifico e da studiosi e ricercatori con specializzazioni in materia”. (2)

Il mondo - e forse la nostra Sindaca si riferiva a questo ma le è sfuggito qualcosa - discute se il 5G debba essere appannaggio della cinese e governativa Huawei, ma lei si è informata solo sui manuali di quelli delle scie chimiche, del finto sbarco sulla Luna, del pesce-fragola, del merluzzo-pomodoro e dell’abbraccio agli ulivi per guarirli dalle infezioni tipo Xylella.

Mentre restiamo in attesa di conoscere le sue “perplessità e preoccupazioni per i possibili effetti dannosi provenienti dal mondo scientifico” ricordiamo che 5G sta per Quinta Generazione, ed è un insieme di tecnologie per la telefonia: non è una nuova tecnologia, ma un'ottimizzazione del 4G ed è più efficiente, il che consente un maggiore e migliore utilizzo di computer e telefonini. Praticamente quello che già ora, anche nel Comune di Altopascio, consente alla Sindaca di interloquire velocemente con i suoi assessori e coi suoi amici e famigliari in qualunque parte del mondo questi siano… solo che verrà fatto meglio.

Ci viene in mente, per esempio, il grande clamore che fece a suo tempo, nel secolo scorso, l’introduzione della tv a colori, con titoloni che preannunciavano disastri sanitari. Oppure, più di recente, le varie contestazioni sulle antenne dei telefonini e chi protestava si lamentava che non poteva chiamare perché non c’era campo. Poi c’è il capitolo forno a microonde, da accoppiare ovviamente alle varie date di fine del mondo che sono passate impunemente, etc.

Sia chiaro: noi difendiamo il diritto della Sindaca di Altopascio a dire ciò che vuole, ma difendiamo anche il nostro diritto ad evidenziare che a nostro avviso sta dicendo delle fesserie. La storia e la scienza ci diranno in seguito chi ha ragione.

1 - qui un nostro specifico comunicato
2 – Qui il testo dell’Ordinanza
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori