testata ADUC
COSTI FONDI CHIUSI
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
22 maggio 2003 0:00
 

BANKITALIA SMENTISCE CHE L'ADUC HA AVUTO RAGIONE CON IL RICORSO AL TAR? UNA SEMPLICE NON-SMENTITA CHE CONFERMA QUANTO SOSTENUTO DALL'ADUC NEL RICORSO STESSO
Firenze, 22 Maggio 2003. Ieri abbiamo diffuso un comunicato che cosi' cominciava:
"Stamane (21 maggio ndr), davanti al TAR Lazio, Sez. 1a, e' stato discusso il ricorso presentato dall'Aduc (con l'assistenza degli avvocati Carlo Carbone e Massimo F.Dotto) nei primi giorni di maggio contro la Banca d'Italia e la Deutsche Bank Fondi Immobiliari per l'annullamento della delibera del 18.2.03 nella quale la societa' di gestione aveva aumentato i costi a carico dei sottoscrittori. La Deutsche Bank ha fatto sapere che con delibera del proprio Consiglio d'Amministrazione ha rinunciato alle modifiche in questione mentre, la Banca d'Italia, ha reso noto che intende annullare la delibera impugnata.
Alla prossima udienza del Tar del 22.10.03 si dovrebbe prendere meramente atto dell'annullamento per autotutela della delibera stessa di Banca d'Italia."
Qui il testo integrale del comunicato

Oggi Bankitalia, attraverso alcune fonti riportate dall'agenzia Asca, fa una smentita in questi termini:
La Banca d'Italia non ha annullato nessuna delibera impugnata in sede di autotutela, ne' ha motivo di farlo e neppure ha mai fatto dichiarazioni in tal senso riguardo al ricorso fatto al Tar dall'Aduc in merito all'annullamento di una delibera con la quale la societa' di gestione di fondi immobiliari della Deustche Bank aveva aumentato i costi a carico dei sottoscrittori. Fonti di via Nazionale smentiscono il fatto che l'Aduc abbia vinto il ricorso al Tar contro Bankitalia e Deutsche Bank, specificando che non solo non e' stato vinto ma non e' stato neppure discusso. Infatti, nel corso dell'udienza di oggi, fissata per discutere la sospensiva, l'Aduc ha preso atto del fatto che il legale della Deutsche Bank ha depositato copia della delibera con la quale sono state soppresse le modifiche apportate e ripristinati i testi regolamentari, prima vigenti. In considerazione di cio', specifica via Nazionale, l'Aduc si e' limitata a chiedere il rinvio della discussione: il Tar ha fissato l'udienza al 22 ottobre prossimo.

Prendiamo atto che Bankitalia conferma il nostro comunicato stampa di ieri. In cui, le conclusioni che avevamo tratto erano che, venuta a mancare la materia del contendere (la delibera del 18.2.03 di Deusche Bank Fondi Immobiliari) perche' la parte chiamata in causa era tornata sui suoi passi, il problema che avevamo sollevato con il ricorso al Tar s'intendeva risolto cosi' come da noi auspicato. Pur tecnicamente ancora da chiudere.

Questi i fatti. A cui anche Bankitalia farebbe onore a se stessa e al sistema finanziario italiano se vi si attenesse. Anche rinunciando ad una presunzione di infallibilita' che, manifestata da un pubblico organismo di controllo, non giova ad alcuno.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori