testata ADUC
LUCE ED ECO-TASSA
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
29 marzo 2000 0:00
 


IL MINISTRO DELL'AMBIENTE CONFERMA LA CONFUSIONE DELLA POLITICA ENERGETICA DEL SUO GOVERNO. MA GLI UTENTI CHI DEVONO ASCOLTARE, VISTO CHE NELLO STESSO TEMPO L'ENEL INCENTIVA AL CONSUMO?

Firenze, 29 Marzo 2000. Il ministro dell'Ambiente ci fa sapere che ha intenzione di chiedere l'introduzione della eco-tassa per chi consuma troppa energia.
Interviene il presidente dell'Aduc, Vincenzo Donvito.
Quello che era stato fatto uscire dalla porta, viene fatto rientrare dalla finestra: le tariffe sociali; solo che questa volta non sono sotto forma di agevolazione per chi consuma meno, ma di sovratassa per chi consuma troppo.
Nello stesso tempo l'Enel ha in corso la campagna che invita gli utenti a passare dal contratto 3 KwH a quello 4,5, facendo attenzione a ben nascondere i costi maggiori di canone che dovranno essere sostenuti, e impostando tutto sui vantaggi domestici per poter attaccare in casa tutti i frullatori che si desiderano senza dover ogni tanto andare nell'androne delle scale a rimettere in posizione ON il salvavita.
Ringraziamo il ministro Ronchi perche' ci ha confermato quello che gia' abbiamo piu' volte segnalato, la confusione che regna in questo Governo in merito alla politica energetica.
Ma secondo Enel e Governo -che sono entrambi pagati dal contribuente per amministrarli nelle loro scelte- l'utente chi deve ascoltare? C'e' o non c'e' la crisi della produzione di energia elettrica? E inoltre, cosa vuol dire il ministro Ronchi quando dice che consumiamo "troppa" luce? Chi stabilisce il limite oltre il quale il consumo individuale diventa troppo, visto che dall'altra parte l'Enel ci invita a consumare di piu'? Abbiamo forse due modelli di vita contrapposti che ci vogliono essere imposti: da una parte quello gaudente e consumista del presidente Enel Chicco Testa, e dall'altra quello monastico -delle domeniche obbligate a piedi, delle discoteche chiuse dopo Carosello e del pane integrale obbligato- del ministro Ronchi? Ma entrambi, alla bisogna, vanno in bicicletta o in auto blu.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori